Ruba una fede d'oro ad una paziente e la nasconde sotto la lingua: arrestato

Una Volante della polizia

Prato, caccia al ladro all'interno dell'ospedale Santo Stefano. L'uomo, 34 anni, pistoiese, è stato fermato dalla vigilanza privata e poi consegnato alla polizia. Non è escluso che il ladro in passato abbia compiuto altri furti

PRATO. Allarme furti all’ospedale di Prato. L’ultimo di una serie di episodi è accaduto la mattina di domenica 14 ma, a differenza degli altri, il ladro è stato scoperto. L’episodio è avvenuto nel reparto di medicina, dove ad un’anziana paziente è stata portata via una fede d’oro. La vittima ha dato l’allarme alle guardie della Securitas Metronotte, che si sono subito messe in moto.

Grazie alla descrizione che la degente ha fornito dell’uomo, entrato nella sua camera dicendo di essere il parente di un ricoverato, l’attenzione dei vigilanti si è rivolta verso un italiano di 44 anni, Davide Meschi, residente a Pistoia, già conosciuto per alcuni precedenti che si sono verificati proprio all’ospedale San Jacopo nella città di Cino. L’uomo, infatti, si trovava ancora nell’ospedale. Ha tentato di dileguarsi ma è stato bloccato dagli agenti delle Volanti. Alle domande l'uomo si è chiuso in un ferreo mutismo. La spiegazione è arrivata presto: il ladro aveva nascosto la fede sotto la lingua. L'uomo sempre nella stessa mattinata aveva cercato di sottrarre monili d'oro alle pazienti ricoverati nel reparto di Medicina. Al personale della vigilanza aveva inventato che stava cercando una paziente ricoverata che però non risultava nell'elenco. L’uomo è stato arrestato e verrà processato con rito direttissimo. Non è escluso che il ladro in passato abbia compiuto altri furti.