Quasi fatta per Spada: è il leghista il probabile candidato sindaco

Daniele Spada (Lega) è il probabile candidato sindaco del centrodestra a Prato

Prato, vicino l'accordo nel centrodestra per convergere sul nome del funzionario Confcommercio molto prima delle elezioni in Basilicata

prato. Ieri pomeriggio il selfie su Facebook con la leader nazionale di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che ha fatto tappa a Firenze. . Ma venerdì scorso Daniele Spada non ha fatto mancare la sua presenza nemmeno ad Altopascio, durante l’inaugurazione della sede della Lega con il ministro Centinaio e dove ha anche preso parola.
Ormai per la sua corsa a sindaco nella coalizione di centrodestra sembra fatta.

Il commissario provinciale aspetta solo una telefonata dalla capitale che potrebbe arrivare addirittura oggi mentre appare poco credibile l’ipotesi che si aspetti il risultato delle elezioni regionali in Basilicata per decidere e rimandare ancora (domenica prossima, 24 marzo).

Le ultime indiscrezioni che trapelano dai colloqui romani parlano piuttosto di una “spartizione” geografica dei territori con Forza Italia che sarebbe più interessata a dettare il nome del candidato sindaco nelle città capoluogo del Sud lasciando invece terreno libero ai leghisti sulle piazze di Prato e Firenze (un margine di trattativa vi sarebbe per Livorno). Una divisione che ha una sua logica, visto che la Lega in Toscana è più forte rispetto al sud, dove candidati di Forza Italia possono ambire a maggiori chance.

Daniele Spada ormai non si muove più come un candidato in pectore tanto postare appunto ieri pomeriggio su Facebook una foto con l'esponente nazionale di Fratelli d’Italia con l'allusivo commento "preparandosi a partire".

Il funzionario di Confcommercio avrebbe a suo favore anche una parte nutrita del coordinamento provinciale di Forza Italia che venerdì scorso ha preso le distanze dalla linea dura della coordinatrice provinciale Erica Mazzetti nei confronti del Carroccio.

Tradotto: solo uniti si può battere Biffoni. Nel frattempo, fra meno di ottanta giorni in città si tornerà al voto. —


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi