Il bus 10 cambia tragitto: collegherà le frazioni all'ospedale

Il nuovo percorso del bus 10 è quello di colore giallo

Prato, il nuovo servizio Cap partirà mercoledì 14 settembre e resterà in vigore fino alla fine dell'anno, il costo di 90.000 euro verrà sostenuto dal Comune. Tante le novità anche a bordo dei mezzi: chi verrà trovato senza biglietto, prenderà la multa ma se la pagherà subito avrà in omaggio 10 biglietti

PRATO. Numero 10, ultima corsa. E' mercoledì 14 settembre la data che segna lo stop al vecchio percorso di questo autobus. Ma non muore, il 10 anzi rinasce in grande forma, perché da giovedì 15 settembre il suo tragitto sarà da Iolo fino a Maliseti (e viceversa) collegando così le frazioni ad ovest della città all'ospedale Santo Stefano senza dovere passare dal centro storico.

Questo e gli altri progetti sulla mobilità come il premio agli abbonati, la conciliazione a bordo, la nuova figura dell'operatore carta mobile e il rafforzamento della presenza delle guardie giurate sugli autobus sono stati presentati nel corso di un incontro con i dirigenti Cap e l'assessore comunale alla mobilità Filippo Alessi.

LA NUOVA LINEA 10. "Si viene così incontro ad una reale esigenza dei cittadini - spiega l'assessore Filippo Alessi - Gli abitanti di alcune frazioni per raggiunge l'ospedale a bordo dei bus dovevano prima arrivare in centro e poi tornare indietro con un altro mezzo. Ora, invece, con la linea 10 ci sarà un collegamento diretto che da Iolo va fino a Maliseti con un tempo massimo di percorrenza calcolato in 28 minuti. E al Santo Stefano c'è lo scambio dove poter prendere la Lam che passa ogni 5/6 minuti e che porta in centro. Inoltre, il 10 avrà un punto di scambio con la linea che arriva da Montemurlo. E' il Comune a coprire la spesa per la nuova corsa - aggiunge l'assessore - 90mila euro fino alla fine dell'anno. Questo perché crediamo nel trasporto pubblico locale, volevamo investirci e così stiamo facendo".

Da sinistra il direttore Cap Alberto Banci, l'assessore Filippo Alessi e il presidente Cap Giuseppe Gori

IL PERCORSO. La nuova linea avrà una frequenza di trenta minuti (si parla di 30 corse al giorno) nei giorni feriali dalle 5,30 fino alle 20, mentre nei festivi una corsa ogni ora. Il 10 collegherà le frazioni di Maliseti, Narnali, Capezzana, Tobbiana, Vergaio e Iolo passando dall'Ospedale. Inoltre, ci sarà un collegamento provinciale da e verso Montale, Montemurlo e Agliana grazie agli interscambi della Lam viola. Interscambi anche con la linea 9 e 12 e all'Ospedale capolinea della Lam Arancio e di quella Blu che portano in centro. "Un modo di adeguarsi alla città che cambia - commenta il direttore della Cap Alberto Banci - Ecco, allora, che abbiamo ripensato la rete soprattutto in virtù dell'ubicazione del nuovo ospedale. Ed oggi siamo a presentare un servizio che va a colmare un vuoto".

AUSILIARI DELLA MOBILITA'. Arriva dal 15 settembre la nuova figura a bordo dei mezzi Cap. Che spiega agli utenti cosa dover fare, come convalidare il titolo di viaggio e il perché va fatto e, in caso di persone, senza titolo di viaggio, spiega perché è necessario acquistarlo. Non hanno però potere di elevare sanzioni. Queste figure saranno una quindicina (giovani in prevalenza) e saranno a servizio delle linee principali.

GUARDIE GIURATE. Per due mesi, a partire dal 19 settembre, dopo la sperimentazione di luglio, torneranno a bordo dei pullman (ma anche a terra) nelle zone ritenute più critiche, le guardie giurate in squadre miste con i verificatori a supporto della loro attività contro l'evasione tariffaria.

LA MULTA CON REGALO. I furbetti che vogliono viaggiare senza pagare ci sono sempre. Se su un mezzo Cap il 'portoghese' viene trovato sprovvisto del titolo, verrà multato di 40 euro. Ma se paga subito la sanzione riceverà dal personale di verifica un bonus. Che andrà presentato, insieme al verbale ricevuto a bordo e che attesta il pagamento, presso le biglietterie aziendali per ricevere in regalo, oltre alla carta mobile del valore di 5 euro, anche 12 euro di credito pari a 10 biglietti urbani. Una sorta di sconto sulla multa per averla pagata subito. "La nostra azienda - sottolinea Banci - non vuole colpire ma educare. Ed anche chi è sprovvisto di biglietto verrà, sì multato, ma in questo caso riceverà dei biglietti da poi poter utilizzare". L'esperimento partirà il 19 settembre e andrà avanti fino al 31 ottobre 2016.

PREMI DI FEDELISSIMI. Fai più "bip" e riceverai un premio. Non si tratta di campagna volta a far acquistare più prodotti ma un modo attraverso il quale la Cap vuole premiare gli utenti abbonati che hanno, appunto, effettuato più "bip" dal 1 settembre 2015 al 31 agosto 2016. Bip come il suono che emette la Carta mobile quando viene appoggiata al sensore che si trova all'interno dei mezzi e che ha trovato riscontro più che positivo da parte degli utenti. "In questo modo - spiega Alberto Banci - vogliamo premiare dieci utenti, quelli che hanno utilizzato in maniera corretta e più intensa il loro titolo di viaggio. In premio andrà, a ciascuno, un abbonamento trimestrale per i nostri mezzi e si tratta di una testimonianza agli utenti che riteniamo più virtuosi. Coloro che utilizzano in modo frequente i bus e che rispettano la città. Il premio sarà a cadenza annuale, quindi il prossimo ci sarà nel 2017". La Carta Mobile è nata nel febbraio 2015 e oggi sono 21mila quelle emesse. Si tratta di una tessera personale, elettronica, con molte funzioni e che rappresenta il titolo di viaggio ricaricabile presso le biglietterie di Prato e Firenze, oppure tramite Internet, presso le emettitrici automatiche e presso tutte le rivendite autorizzate.

FUTURO CAP. Il presidente di Cap Giuseppe Goriaccenna, infine, al domani dell'azienda. La concessione dei servizi di trasporto pubblico regionale su gomma è stata aggiudicata ad Autolinee Toscane Spa ma ancora non è tutto perduto. Gori pur parlando di periodo di incertezza si dice fiducioso. "Insieme ai nostri legali - commenta - abbiamo fatto le osservazioni e ora spetterà al Tar decidere in base a quanto presentato, su quanto abbiamo fatto e su quello che garantiamo".