La poltrona diventa opera d'arte e va al Fuorisalone

L'avvocato Eleonora Santanni e designer Alexandro Fini hanno presentato un nuovo modo di sedersi

PRATO.Eleonora Santanni è un avvocato, ma coltiva da sempre la passione per l'arte e in particolare per il design, così insieme al designer Alexandro Fini, ha partecipato al Fuorisalone di Milano 2015 presentando nel Cloud Space di via Tortona  la Queen’shoes sofa.

“E’ un esperimento tutto made in Tuscany - spiegano Santanni e Fini - di contaminazione tra pop art e interior design sfociato nella poltrona trasformista Queen’s shoes  che vuole rappresentare il senso del movimento e del cambiamento oltre all’idea d’inglobarsi nella stessa opera dell’artista, con una seduta non statica”.

La poltrona è realizzata con materiali innovativi e versatili, è leggera e molto comoda,  AlexandroFini ha avuto l'idea creativa,  la parte tecnica e quella di alto artigianato e Santanni ha fornito la sua opera Pop Art.

“Mi appassiona in particolare utilizzare e reinventare le memorie del  mondo della moda  nel periodo delle avanguardie sartoriali, quando Prato svettava nel mondo, prima dell’avvento della moda usa e getta. 

Questo forse perché nasco in linea materna da una dinastia di sarte per signora, come un tempo si diceva”.

Partendo dalla ricca collezione di riviste di moda della madre, Santanni ha realizzato il quadro Pop Art riproducendo immagini dell'epoca e partendo dalla famiglia reale. “Ho cercato di sintetizzare quale fosse la moda del tempo, partendo da una documentazione eccezionale: mia madre conserva migliaia di riviste di moda. Ho anche introdotto alcuni slogan per richiamare i concetti legati alla moda  degli anni 50 e a quella di oggi”.

I tessuti usati dal designer  AlexandroFini sono stati realizzati a Prato e trattati con procedimenti che hanno reso la fodera lavabile e con un aspetto stropicciato, contaminazione di materiali e artigianalità il tutto nel rispetto dell' ambiente .