Con lo sportello di un armadietto tenta di aggredire un vigilante

Prato, prima cerca di uscire dalla Coop senza pagare bottiglie di vino, poi aggredisce un cliente e la guardia giurata. Preso e accompagnato in questura dalla polizia. Per lui una denuncia

PRATO. Tante denunce ma ancora in libertà. Se l'è cavata bene, in fondo, il cittadino marocchino che giovedì 26 febbraio, nel pomeriggio, ha scatenato il finimondo all'interno del supermercato Coop di piazza San Marco. La polizia è dovuta intervenire perché l'uomo, 39 anni, irregolare, aveva aggredito il personale di vigilanza privata e un anziano che faceva la spesa. Il nordafricano aveva addirittura divelto lo sportello di un armadietto e con questo aveva cercato di colpire il vigilante.

All'arrivo degli agenti il nordafricano riusciva a scappare dirigendosi verso il Bastione delle Forche dove veniva raggiunto e bloccato. Il personale del supermercato ha spiegato che l'uomo era entrato con l'intenzione di prendersi una confezione di vino senza volerla però bloccare. Alla reazione del vigilante e dell'anziano che aveva criticato questo comportamento è scattata la violenza reazione del nordafricano.

L'uomo è stato quindi accompagnato in questura e denunciato per danneggiamento e minacce al personale del supermercato e violenza, resistenza e minacce e oltraggio a pubblico ufficiale. Ma la storia non è finita. Perché mentre i poliziotti erano dentro il supermercato un italiano di 47 anni è stato visto colpire con un calcio lo specchietto retrovisore della Volante. Anche lui è stato preso e portato in questura. Per lui una denuncia per danneggiamento dei beni dello Stato.