Non studiano né lavorano, a Prato cinquemila "invisibili"

Un giovane col pc portatile su una panchina (foto di archivio)

In termine tecnico si chiamano Neet i giovani totalmente disimpegnati: un progetto della Provincia con fondi europei sta cercando di stanarli e metterli al lavoro