Illegalità: il "sistema Prato" sotto accusa

Il procuratore capo di Prato facente funzioni Antono Sangermano, a sinistra il comandante della Guardia di Finanza Gino Reolon

Nella sua relazione all'inaugurazione all'anno giudiziario il procuratore facente funzioni Antonio Sangermano sottolinea quali sono i nervi scoperti della situazione socio-economica pratese. E avverte: ci sono tracce di mafia cinese. Valanga di prescrizioni: ogni giorno quasi quattro procedimenti vengono estinti perché è passato troppo tempo