Mistero a Mezzana, le auto non si aprono

L'ingresso dello Sporting Mezzana

Da un mese e mezzo si registra uno strano fenomeno e i residenti sospettano che sia colpa di un campo magnetico

PRATO. C’è un piccolo mistero che in questi giorni aleggia in via Lunga di Mezzana. Halloween dietro l’angolo? No, davvero. L’enigma è ricostruibile ascoltando le testimonianze di alcuni residenti e commercianti della zona: da un mese e mezzo, lungo la piccola strada che corre lungo la Declassata e si snoda dallo Sporting Club, succede qualcosa di strano alle auto. Spesso chi va ad allenarsi al centro sportivo oppure decide di trascorrere una sera al ristorante “Il Salottino”, quando torna alla macchina non riesce ad aprirla con il telecomando della chiusura centralizzata perché quest’ultima è andata in tilt.

«Non ho questi problemi perché fortunatamente inserisco la chiave nella mia auto – racconta Pasquale Pernici, residente storico della strada - ma sento da tanti racconti di ragazzi che frequentano lo Sporting che qualcosa non va: le chiusure centralizzate non funzionano come dovrebbero e non si riesce a capire il perché. C’è il sospetto che possa esserci un campo magnetico in zona che disturba soprattutto la sera».

Lungo quella strada abitata da famiglie che convivono con il rumore e lo smog della Declassata (nonostante le barriere installate cinque anni fa) si affollano tante auto soprattutto nelle ore serali: ultimamente si sono verificati episodi di atti vandalici alla carrozzeria delle vetture. Il giallo delle auto che rimangono chiuse senza un perché, effettivamente, però mancava. «Tanti clienti del ristorante – spiega il gestore Simone Moretti - hanno riscontrato questi problemi, tanto da essere costretti a ritornare a casa per recuperare la chiave di scorta perché non funziona il telecomando. Una possibile spiegazione è che sia stata montata in zona un’antenna che provoca disturbo. Già siamo alle prese con i ladri che s’intrufolano nel locale una volta ogni due mesi: questa è una zona un po’ bersagliata».