La Cuoiopelli sta volando sulle ali di Falchini: cinque gol in cinque giorni

In Eccellenza la scena è del bomber che ha rifilato una tripletta al Ponsacco «I gol fanno piacere ma sono contento soprattutto della prova della squadra»

Alessandro Marone

PONSACCO. La Cuoiopelli risponde alla goleada del Livorno sul campo del fanalino di coda Atletico Piombino e, dopo l’aggancio nel turno infrasettimanale, balza a quota 20 punti e resta in vetta in compagnia degli amaranto di Buglio.


I biancorossi di mister Marselli calano il poker al Comunale di Ponsacco, trascinati dal bomber Falchini, autore di una tripletta nella ripresa. Periodo strepitoso per la Cuoiopelli, che ha conquistato bottino pieno in cinque delle ultime sei gare (nel mezzo l’impresa contro il Livorno al Masini: scoppiettante 3-3 e doppia rimonta giocando in 9 contro 11). Settimo centro in campionato per Gabriele Falchini, ciliegina del mercato estivo e bomber con quasi 150 gol in D nel curriculum (la maggior parte dei quali con le maglie di Real Forte Querceta e Massese).

Dopo la doppietta di mercoledì contro la Colligiana (pareggio dal dischetto ed eurogol del 2-1 con un tiro da 60 metri), l’attaccante classe ’86 arrivato in estate dal Prato ed ex della sfida (prima parte della stagione 2014/2015 in D a Ponsacco) si è portato il pallone a casa: cinque gol in cinque giorni: «Sono molto contento per questa tripletta e per le cinque reti in pochi giorni. Però sono contento soprattutto per la prestazione della squadra. Siamo entrati in campo consapevoli della nostra forza, ma con rispetto enorme per l’avversario: vincere in questo campo è difficile».

Volano Falchini e la Cuoiopelli, il bomber frena l’entusiasmo e predica calma per il prosieguo della stagione: «Ci stiamo godendo il momento, consapevoli che stiamo lavorando bene, ma dobbiamo restare con i piedi per terra. Dobbiamo andare in campo consci della nostra forza e spensierati: non abbiamo pressione, puntiamo a continuare così».

Mister Davide Marselli analizza il match con il Ponsacco: «Siamo partiti bene e abbiamo trovato il vantaggio grazie ad un autogol. Poi per un po’ abbiamo sofferto, il Ponsacco ha giocato bene ed è una buona squadra. Al rientro in campo l’episodio del raddoppio ci ha agevolato, poi abbiamo tenuto bene il campo e siamo riusciti a segnare altre due reti. Ci sono stati momenti in cui i rossoblù hanno fatto bene: siamo stati bravi a difenderci e ripartire».

Terza vittoria in otto giorni, quarto successo su cinque gare fuori casa: dove vogliono arrivare i biancorossi? «Ora abbiamo un tris di partite difficili: derby in casa con Tuttocuoio e Fucecchio, nel mezzo la trasferta a Castelfiorentino. Finisce il girone d’andata e si riescono a capire meglio i valori: queste tre gare ci diranno se possiamo giocarci il campionato con il Livorno o se dobbiamo recitare un altro ruolo. Quest’anno volevamo alzare l’asticella, la società è stata brava, abbiamo costruito qualcosa di positivo e i risultati stanno arrivando. Non dobbiamo montarci la testa, ma finché la squadra gioca con questa spensieratezza e voglia di divertirsi possiamo fare bene».

Marselli coccola il suo bomber: «Gabriele è un attaccante tra i primi tre della categoria, se non il più forte. Ha sempre giocato in Serie D, segnando oltre 140 gol. In avvio ha avuto dei problemi fisici, poi ha trovato la condizione e si sta rivelando la nostra arma in più».

© RIPRODUZIONE RISERVATA