San Miniato Basso, la grande emozione dell'impresa a Livorno

Il bomber Niccolò Chiaramonti autore della doppietta decisiva: «Questi sono i gol più importanti della mia carriera»

SAN MINIATO. Il San Miniato Basso sbanca il “Picchi” e infligge alla capolista Livorno il primo ko stagionale. Giornata memorabile e impresa dei giallorossi, che conquistano bottino pieno in casa degli amaranto; seconda vittoria in campionato: i tre punti mancavano dall’esordio corsaro (1-0) a Fucecchio. Micidiale uno-due nella ripresa, eroe del match Niccolò Chiaramonti, autore di una doppietta in quattro minuti. Gioia incontenibile, gol pesanti e speciali (regalo di compleanno in anticipo) per il bomber classe ’95 arrivato in estate dal Cascina, con il quale ha conquistato la promozione in D: «Un’impresa che ci siamo meritati nell’arco dei 90’. Domani (oggi ndr) è il mio compleanno: vincere a Livorno, segnare due reti in questo stadio e davanti a così tanta gente non capita tutti i giorni», racconta a telefono un raggiante Chiaramonti. «Sono senza dubbio i gol più importanti della mia carriera. Una giornata indimenticabile, ancora devo realizzare: al fischio finale manca poco che scendessero le lacrime». Due reti, entrambe di testa su corner, che fanno balzare Chiaramonti a quota 5 nella classifica dei marcatori: «Avevo sfiorato il vantaggio poco prima. Di solito rimugino sull’errore, stavolta ho reagito subito e ho provato a fare qualcosa di importante. Gli ultimi gol li avevo segnati in extremis contro il Perignano (doppietta e rimonta da 0-2 a 2-2), sentivo un po’ il peso della classifica: è stata una sorta di liberazione». Sulla partita: «Primo tempo sofferto, loro sono una squadra costruita per vincere, hanno tanta qualità. Noi abbiamo retto e abbiamo fatto la nostra partita, con umiltà; ci credevamo, nelle ultime due settimane (il San Miniato Basso ha osservato il turno di riposo nella scorsa giornata) abbiamo lavorato intensamente e preparato bene la partita: la classifica parlava e volevamo una svolta. Tre punti che ci danno morale, ma dobbiamo subito pensare alla gara di mercoledì contro l’Atletico Piombino: vogliamo risalire la classifica».

Soddisfatto mister Lorenzo Collacchioni, arrivato in estate sulla panchina giallorossa: «Giornata emozionante per il paese e per la società. Fino ad ora non avevamo fatto quello che ci aspettavamo, sono stati premiati i sacrifici e il lavoro di questi mesi. Al fischio finale si è liberata tutta la gioia e tensione, sono contento per i ragazzi e per la società. Con voglia e fortuna abbiamo ottenuto un risultato importantissimo». L’analisi della gara: «Lo sviluppo della partita ci ha dato fiducia. Una gara difficile e una partenza timida, il Livorno è una squadra forte e ci ha messo in difficoltà. Siamo stati bravi a far girare gli episodi dalla nostra parte, alla lunga abbiamo voluto fortemente venir via da Livorno con qualcosa: portiamo a casa il bottino pieno. Sono orgoglioso dei ragazzi, il San Miniato Basso ha fatto una grande partita ed è stato un avversario scomodo per il Livorno. Credo che alla fine gli amaranto vinceranno il campionato, ma questo girone è tosto e non avranno un percorso agevole». Il mister parla dell’avvio di stagione e pensa già alla sfida di mercoledì (turno infrasettimanale) contro l’Atletico Piombino: «La squadra è quasi totalmente nuova, normale un periodo fisiologico di tempo per conoscersi. L’inizio non è stato positivo, ma questa squadra ha dei valori. Purtroppo o per fortuna tra tre giorni rigiochiamo: dobbiamo continuare a migliorare dal punto di vista delle prestazioni e della mentalità e tirarci fuori da una classifica che non ci piace».


© RIPRODUZIONE RISERVATA