Lupi Estintori, una vittoria epica al tie break Grande rimonta dell’Ambra, Fgl imperiosa

Ancora un rinvio (il quarto su cinque gare) per l’Imballplast Castelfranco: salta la trasferta di Grosseto, sponda Invicta

Pontedera. Weekend di serie B con tre squadre della provincia di Pisa in campo.

B1 maschile


All’appello manca l’Imballplast Castelfranco, per l’ennesima gara rinviata, questa volta parliamo della trasferta a Grosseto, sponda Invicta. Stagione davvero complicata per i biancoverdi, che sulle cinque partite del girone di andata alla fine ne hanno disputata una, la prima, proprio contro Pontedera. Altra novità, il blocco delle retrocessioni. In settimana la Fipav nazionale ha deciso per questa linea, considerando le difficoltà di tante formazioni alle prese con rinvii e quarantene.

Vittoria epica, invece, per la Lupi Estintori, al termine di una partita lunghissima. Due volte sotto, e due volte in parità, la squadra di casa ha poi dominato il tie-break, andando a conquistare il secondo successo stagionale, sempre da due punti. Prestazione monstre di Lumini, 36 punti per lui, con sei muri punto. Sansonetti ha schierato la diagonale composta da Lazzeroni e Hendriks, con Tosi e lo stesso Lumini in diagonale, al centro Bernieri e Lusori, De Muro libero. Formazione che ha attraversato tutta la gara con l’eccezione del cambio Berberi-Lazzeroni arrivato alla fine del terzo parziale, con la Lupi Estintori giù ai vantaggi dopo un set, però, sempre condotto da Orte con un buon vantaggio. I laziali hanno guadagnato terreno anche nella quarta frazione, rimontando un break iniziale, e arrivando con un po’ di vantaggio sui punteggi alti. La reazione locale e la buona gestione degli ultimi palloni hanno rimesso in pista Pontedera; con in mano il quarto set, i ragazzi di Sansonetti non si sono più fermati, approcciando il tie-break con decisione: 5-1, 10-6 e gara portata in fondo. La classifica del girone G1, causa le tante partite non giocate, è incommentabile, ma resta il fatto che la squadra sta crescendo, grazie ad un valido organico.

B1 Femminile

«La partita non è iniziata bene, siamo andati sotto 4-0. Poi pian piano abbiamo preso il nostro ritmo e ci siamo aggiudicati il set nonostante 6 battute sbagliate. Il secondo e il terzo hanno avuto lo stesso andamento, tra loro: mantenendo l’attenzione, e difendendo palla su palla, abbiamo portato a casa tre punti importanti». Questo il commento al derby del viceallenatore dell’Fgl Castelfranco Nicola Ficini. La partita ha avuto “vita” soltanto quando la formazione di casa ha tirato il freno, concedendo qualcosa in servizio e allentando le maglie in ricezione, ma la prestazione è stata in crescendo e dal secondo parziale in poi Empoli è uscita dalla gara. Menicucci ha schierato lo stesso 6+1 per tutta la gara: Lippi in palleggio, Zonta opposta, Ristori Tomberli e De Bellis in banda, Andreotti e Mastrodicasa al centro, Casarosa libero. Un successo che ha portato Castelfranco alla quarta affermazione in cinque gare. Alla fine del girone di andata, la Fgl Pallavolo è in testa: gli obiettivi iniziali erano altri, ma il blocco delle retrocessioni ha reso scontata la salvezza e vincere aiuta a vincere. La squadra sta portando avanti il discorso delle precedenti stagioni, in termini di gioco e affiatamento e il buon inserimento delle nuove arrivate ha fatto il resto. Top scorer come nelle ultime gare Ristori (14 punti).

B2 femminile

L’Ambra Cavallini spezza il sortilegio della trasferta e conquista a La Spezia i primi punti del campionato. Sommando i 2 ottenuti sabato ai 6 conquistati nelle partite interne con Rinascita e Montespertoli, si ottiene un buon bottino per il gironcino d’andata. E la crescita della squadra fa ben sperare che possano essere di più nel ritorno. Barboni conferma il 6+1 delle ultime uscite: Mannucci-Caverni, Donati-Bartalini, Danti-Chericoni, Miccoli. La partenza non è delle migliori e le padroni di casa hanno gioco facile. Immediata la reazione di Pontedera, che pareggia subito restituendo all’Autorev il 25-15 subìto in avvio. La sconfitta della terza frazione fa intravedere i fantasmi di un nuovo viaggio a vuoto, ma la squadra non ci sta e getta il cuore oltre l’ostacolo. Con un finale entusiasmante la truppa di Barboni strappa quarto e quinto set, festeggiando un meritato successo. Ancora sugli scudi Caverni e Donati: opposto e posto quattro portano a casa 23 punti ciascuna, ma ogni elemento in campo ha dato un contributo decisivo, tanto è vero che il sestetto ha mostrato un amalgama crescente risultando più regolare sia nel cambio-palla che nel muro-difesa. —

Davide Ribechini

© RIPRODUZIONE RISERVATA