Serie B, San Miniato può guardare tutti dall’alto E ora big match a Chiusi

SAN MINIATO. Cecina si è confermato un osso duro per l’Etrusca San Miniato. Come accaduto nelle avvincenti sfide degli ultimi tre anni i tirrenici hanno dato filo da torcere ai biancorossi, ma alla fine la truppa di Federico Barsotti è riuscita a portare a casa il successo imponendosi per 87-83. I biancorossi hanno centrato la quinta vittoria su sei partite portandosi da soli in testa al girone A2 di serie B, anche se Chiusi - il prossimo avversario - deve recuperare una partita, quindi teoricamente avrebbe la possibilità di appaiare i sanminiatesi.

Barsotti commenta così la sofferta affermazione contro Sintecnica Cecina: «È stata una partita difficile come mi aspettavo contro una squadra che ha messo energia e talento. Siamo stati attenti nella prima parte della gara, affrontando poche energie per effetto della battaglia di mercoledì scorso contro Livorno. Siamo stati comunque bravi a non scomporci continuando ad applicare i nostri principi di gioco in attacco senza perdere energia anche quando è emerso il talento dei nostri avversari con giocate importanti».


A un certo punto è scoccata la scintilla: «Il fallo antisportivo a Quartuccio è stata la chiave della partita, l’episodio che ha permesso di reagire giocando con più cattiveria l’ultima parte del match. Questa è una vittoria che conta tanto, di cui dobbiamo essere molto soddisfatti. In una stagione esaltante come la scorsa – prosegue Barsotti – non abbiamo vinto partite così, dobbiamo essere contenti di averlo fatto senza brillare troppo».

Alla vigilia del giro di boa - domenica si gioca infatti l’ultima partita di andata del girone - prevale molto equilibrio come logico che sia in raggruppamenti più corti del consueto. Spicca la clamorosa sconfitta interna della Libertas Livorno a domicilio contro Ozzano, unico quintetto a sconfiggere proprio l’Etrusca San Miniato, confermandosi quindi una sorta di “mina vagante”, mentre Chiusi appare al momento la squadra più in forma e forse quella più strutturata. Infatti, ha ottenuto la quarta vittoria consecutiva a Piombino imponendosi su quel parquet per 89-61. Spicca anche il successo di Use Empoli a Firenze per 82-77.

Quindi ci sono cinque squadre nel giro di soli quattro punti, che faranno di tutto per portare a casa il maggior bottino possibile, da trascinare poi nella seconda fase, decisiva per i piazzamenti playoff e playout.

In casa Etrusca, intanto, ieri giorno di riposo, dopo le due “battaglie” contro Libertas Livorno e Cecina. Da oggi si comincia la preparazione al big match di domenica (ore 18) sul parquet dell’Umana San Giobbe Chiusi. Una partita certamente difficile, ma dove sicuramente l’Etrusca, una volta recuperate le energie fisiche e mentali, potrà giocare le proprie carte. Di certo la truppa biancorossa, pur mantenendo umiltà e rispetto, potrà recitare sicuramente un ruolo di primo piano. —

Stefano Scarpetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA