Contenuto riservato agli abbonati

Mesi e mesi di lavori, si comincia lunedì con l’asfaltatura della Strada di Patto

L’ultima parte dei lavori di asfaltatura della Strada di Patto (foto f. silvi)

Cantiere fino al 15 luglio, poi toccherà a viale Europa. Prezzi quadruplicati all’origine dei ritardi per l’intervento

PONTEDERA. Dalla rotatoria che segna l’ingresso per Santa Lucia a quella successiva verso Gello. È il tratto della Strada di Patto interessato dai lavori di asfaltatura che partiranno lunedì e che comportano la chiusura della circolazione.

«Il tratto della 439 var sarà interrotto al traffico dal km 4+570 al km 5+230», è il messaggio che il Comune di Pontedera, sui suoi canali social e web, sta veicolando. E il nuovo intervento aggiunge un altro tassello al puzzle del ripristino di una carreggiata al centro di tanto interesse per la sua storia travagliata. Tra processi e fragilità strutturali. «Da lunedì fino alla metà di luglio, se tutto andrà come previsto – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Mattia Belli – ci sarà il cantiere». E la modalità sarà la stessa andata in scena già un anno fa con l’esecuzione dell’asfaltatura per il primo lotto, quello dalla rotatoria che segna la fine di viale Europa, proprio di fronte al Centro Coop e la rotonda successiva.


«Coi tecnici di Anas – spiega Belli – l’operazione di manutenzione riguarderà scavi approfonditi. Sarà la volta poi della ricostruzione dei vari strati che compongono la strada. Alla fine ovviamente ci sarà l’asfaltatura».

I lavori che segnano allora il proseguimento della lista dei ripristini, dei rifacimenti e delle riqualificazioni andranno avanti per tutta l’estate. «Di fatto, nei nostri piani sarebbero dovuti partire subito dopo Pasqua. Purtroppo abbiamo dovuto fare i conti con un ritardo – aggiunge l’assessore – derivato dall’aumento del costo del bitume e degli altri materiali connessi alla lavorazione. Cifre quasi quadruplicate».

Il destino di questa striscia di asfalto che porta dalla zona dei cimiteri di Pontedera allo svincolo della Firenze-Pisa-Livorno a Ponsacco sembra costellato di imprevisti, anche se stavolta si tratta di risistemare la carreggiata che dovrebbe risolvere definitivamente i problemi di tenuta del manto stradale dopo le vicende legate all’ambito legale. «Abbiamo dovuto, con Anas e la ditta appaltatrice, variare il progetto, rimodulando le entrate e le uscite, ripensando insomma l’aspetto economico. Questo ha creato uno stop obbligatorio. Inoltre, avevamo già deciso di iniziare a primavera, provando a bypassare le problematiche legate al clima e magari le interruzioni a causa della pioggia».

Il termine dei lavori e la contemporanea riapertura al traffico è fissato per il 15 luglio. Ma non è detto che la tempistica venga rispettata con esattezza. E il motivo riguarda la complessità dell’intervento e le possibili carenze che potrebbero venire alla luce. «Non è facile prevedere i tempi – entra nel merito Belli – nonostante la ditta abbia intenzione di lavorare a ritmi serrati. La difficoltà deriva da ciò che troveranno sotto l’asfalto e dagli intoppi che via via sopraggiungeranno».

Belli non si fa illusioni: «Ci immaginiamo già di dover affrontare diverse situazioni a rischio e le decisioni andranno prese caso per caso perché l’obiettivo è pianificare la riqualificazione nel migliore dei modi per ottenere il massimo dei risultati in termini di resa ma soprattutto di sicurezza per gli automobilisti».

Finito il cantiere sulla Strada di Patto i lavori si sposteranno in viale Europa, dalla parte dei cimiteri e della Bellaria e da dopo il terzo ponte fino all’ingresso della Fi-Pi-Li Pontedera. «Per altri mesi e mesi», conclude l’assessore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA