Il Papa nomina Roberto Campiotti vescovo di Volterra

Da sinistra il nuovo vescovo di Volterra Roberto Campiotti e il suo predecessore Alberto Silvani

L'annuncio dal Vaticano è arrivato nella mattina di mercoledì 12: "Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale della diocesi presentato da monsignor Alberto Silvani per aver superato i limiti d'età

VOLTERRA. Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Volterra presentata da monsignor Alberto Silvani per aver superato i limiti d'età. Papa Francesco ha nominato vescovo di Volterra il reverendo Roberto Campiotti, del clero dell’arcidiocesi metropolitana di Milano, finora rettore del collegio ecclesiastico internazionale San Carlo Borromeo a Roma.

Secondo il curriculum vitae diffuso dalla Santa Sede, Campiotti è nato il 31 ottobre 1955 a Varese. Terminato il liceo scientifico nel 1974, è entrato nel seminario arcivescovile di Milano e ha ottenuto il baccalaureato in Teologia nella facoltà teologica dell’Italia settentrionale. Il 16 giugno 1979 è stato ordinato sacerdote ed è stato incardinato nell’arcidiocesi metropolitana di Milano, dove ha svolto i seguenti incarichi: insegnante di religione cattolica nella scuola media inferiore (1979-1981) e nella scuola media superiore (1981-1995); vicario parrocchiale di Santi Filippo e Giacomo di Laveno-Mombello (1979-1990), di San Francesco di Sales a Milano (1990-1992) e di San Giulio a Cassano Magnago (1992-1995); parroco di San Lorenzo (1995-1997) e di San Siro-Albusciago a Sumirago (1997-2006), di San Giovanni Evangelista a Caidate, di San Vincenzo a Menzago e dei Santi Pietro e Paolo a Quinzano (2006-2010); responsabile dell’unità pastorale Sumirago-Albusciago e della comunità pastorale San Benedetto in Sumirago.

Dal 2010 finora è stato rettore del collegio ecclesiastico internazionale San Carlo Borromeo a Roma e primicerio dell’arciconfraternita dei Santi Ambrogio e Carlo della Nazione Lombarda.