Contenuto riservato agli abbonati

Under 16 provano a rapinare due donne in centro a Cascina

Foto d'archivio

Uno di loro ha tirato fuori un coltellino e ha chiesto dei soldi, l’altro lo ha convinto a rinunciare. I carabinieri li hanno individuati

CASCINA. Una tentata rapina sorprendente, in pieno giorno, su corso Matteotti. Sorprendente sia per il luogo scelto per affrontare le vittime, sia per l’età del rapinatore: un ragazzino di nemmeno 16 anni, in compagnia di un coetaneo. Coltellino in mano, ha tentato di farsi dare dei soldi da un coppia di donne che stava passeggiando con tranquillità ieri mattina, in un momento di serenità domenicale.

Non sono andati fino in fondo nella loro intenzione i due ragazzini. Anche perché uno dei due ha avuto un ripensamento, facendo pressioni sul compagno perché si fermasse.


Un ripensamento a rapina in corso, perché la coppia di ragazzini aveva già deciso di affrontare le donne. E uno di loro il coltellino lo aveva tirato fuori, mostrandolo alle due vittime. Che prese alla sprovvista si sono molto spaventate, sorprese anche dalla giovane età dei due ragazzini.

Qualche attimo di esitazione però ha fatto volgere la situazione in modo diverso da come probabilmente il piccolo rapinatore se l’era immaginata.

Molto probabilmente non devono essere stati molto convincenti nel modo di porsi, incerti anche perché erano in pieno giorno e temevano che qualcuno si potesse accorgere di loro. Le donne non hanno reagito ma hanno attirato l’attenzione di altre persone.

E alla fine uno dei due, non quello che aveva il coltellino in mano, ha pensato che fosse meglio evitare di continuare. E ha convinto, insistendo un po’, l’altro ragazzino che alla fine ha desistito e si è lasciato portare via di corsa.

Le donne, dopo essersi riprese dallo choc, hanno immediatamente chiamato i carabinieri della stazione di Cascina che prima hanno ascoltato telefonicamente il racconto delle due e si sono mossi immediatamente per raggiungere il corso e cercare i due ragazzini che frattanto erano scappati a piedi.

La buona conoscenza dei militari delle possibili vie di fuga cittadine ha fatto sì che la corsa dei minorenni fosse molto breve.

Li hanno velocemente rintracciati e fermati, anche perché il ragazzino con il coltellino aveva dei precedenti di denunce per altre rapine che ha provato a fare.

Il ragazzino è stato denunciato alla procura dei minori. Si tratta di un volto conosciuto per la sua appartenenza a una piccola banda di minorenni che spesso ha commesso reati di piccola entità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA