Contenuto riservato agli abbonati

La Crv vuole smantellare l’unico bancomat del paese

Lo sportello bancomat della Crv a Montefoscoli

Gli abitanti sarebbero costretti a fare 11 chilometri (andata e ritorno) per prelevare. Il sindaco: «È un problema per un borgo non al centro della viabilità principale»

PALAIA. Prima il consigliere regionale del Pd, Andrea Pieroni che, pochi giorni fa in un’interrogazione sulle chiusure di filiali e sportelli Atm decise dalla Cassa di risparmio di Volterra, aveva inserito anche il bancomat di Montefoscoli nella lista di servizi cancellati da parte della banca. Poi il confronto diretto tra il sindaco di Palaia, Marco Gherardini, e i vertici dell’istituto di credito, da cui è arrivata la conferma a quanto detto da Pieroni. Il borgo non avrà più un dispositivo per l’erogazione del denaro contante, essendo quello della Cassa volterrana l’unico in paese. Un problema che segue le chiusure in serie avvenute in varie località della provincia, non solo da parte della banca di piazza dei Priori. Anche la Banca di Pisa e Fornacette, infatti, ha chiuso filiali sostituendole con bancomat evoluti. Tra cui quello di Forcoli, sempre nel comune di Palaia. «È un problema, inutile negarlo – dice Gherardini – perché ancora una volta si toglie un servizio, oltretutto in un paese come Montefoscoli che non è isolato, ma neppure al centro di una viabilità principale».

Il tono del sindaco, però, non è arrabbiato come in altre circostanze. La chiacchierata coi responsabili dell’istituto di credito dell’altro giorno, evidentemente, ha comunque portato a qualcosa, come conferma lui stesso: «Abbiamo aperto un dialogo per capire se ci sono margini per ripensare questa decisione. Stiamo parlando in modo costruttivo e questo è sicuramente un fatto positivo in questa fase di riorganizzazione da parte degli istituti di credito del nostro territorio che, per quanto riguarda noi amministratori pubblici, dobbiamo rendere meno dannoso possibile per la popolazione».


Ora ci sarà da capire questa sorta di “trattativa” tra sindaco e dirigenza porterà a un ripensamento. Ma se il procedimento di chiusura del bancomat a Montefoscoli andrà avanti, i disagi ci saranno eccome per gli abitanti. Specialmente per quelli con un’età avanzata con difficoltà a spostarsi. Per prelevare contanti, infatti, occorrerà prendere l’auto e dirigersi verso i centri vicini. I bancomat nei dintorni sono a Palaia (Crédit Agricole) a cinque chilometri e mezzo per 10 minuti di percorrenza in auto, secondo il calcolo di Google Maps; Peccioli (Bpm, Cassa di risparmio di Volterra e Monte dei Paschi di Siena) a 6,5 chilometri per 8 minuti; Forcoli (Monte dei Paschi di Siena e Banca di Pisa e Fornacette) a 9 minuti in auto per 6, 5 chilometri; Selvatelle (Cassa di risparmio di Volterra) a 9, 3 chilometri e 11 minuti di tragitto; Capannoli (due filiali della Banca popolare di Lajatico, una di Crédit Agricole e una della Crv) a 9 minuti per coprire la distanza di 7,6 chilometri. Non viaggi impossibili, ma comunque spostamenti obbligati e, magari, anche un aumento di costi dati dalle commissioni da pagare per il prelievo di contanti al bancomat di una banca che non è quella in cui abbiamo il conto corrente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA