Pontedera torna a ballare, apre il Sound: «Per la città è un nuovo inizio»

Anche il sindaco Franconi all’inaugurazione del Sound dell’imprenditore Paolo Bova. «Segno di speranza e ritorno alla normalità dopo tanta sofferenza per il settore»

pontedera. Da Time a Sound per un nuovo inizio dopo un anno e mezzo di chiusura a causa della pandemia. Il popolo della notte è tornato a ballare a Pontedera, grazie a Paolo Bova, producer e discografico, nonché già titolare del Gens, una delle discoteche che ha chiuso definitivamente i battenti proprio nel 2021 dopo essere stata per tre lustri un punto di riferimento per i giovani della zona.

Il nuovo locale pensato da Bova si chiama Sound e alla serata inaugurale ha voluto esserci anche il sindaco di Pontedera Matteo Franconi, in segno di vicinanza a tutto il settore, come già aveva fatto il 15 ottobre scorso, quando insieme ai colleghi Cristiano Alderigi (Calcinaia) e Dario Carmassi (Bientina), aveva tagliato il nastro della ripartenza del Boccaccio.


«Sono contento per i gestori di queste attività – sottolinea Franconi – perché hanno passato un periodo veramente difficile: spero che questo nuovo progetto, così come le riaperture di altri locali rimasti chiusi a causa del Covid, possano restituire grandi soddisfazioni a chi ha sofferto per questa situazione».

Ma il pensiero del primo cittadino pontederese va anche ai giovani: «L’apertura del Sound è un altro segno di speranza e di ritorno alla normalità: al netto di alcune opinioni, la possibilità per i nostri ragazzi di stare insieme, socializzare e divertirsi, in presenza ed in sicurezza, non può né deve esser vista come un’esigenza di serie B. Continuo a credere che sia sempre meglio cercare di ascoltare e prendersi cura dei bisogni dei nostri giovani, anche prendendosi delle responsabilità, piuttosto che restare immobili fingendo che i loro modi di vivere non ci riguardino».

Il Sound (So Underground), nasce sulle ceneri del vecchio Time, nella zona industriale di Gello: «Abbiamo deciso di intraprendere questa nuova avventura cambiando totalmente stile e target di riferimento – spiega Bova –. Miriamo a una fascia di pubblico amante della tecno-house grazie ad un impianto audio che pochi possono vantare. Quando ancora eravamo sotto l’effigie di Time siamo stati tra le prime discoteche d’Italia a chiudere i battenti a febbraio 2020, quando Codogno divenne prima zona rossa d’Italia a causa del Covid. Non ho mai voluto rischiare la salute dei miei clienti in ogni mia attività imprenditoriale. E ora poter essere qui ad inaugurare questa realtà segna la traccia di un nuovo inizio».

La programmazione seguirà la turnazione di special guest della musica techno ogni sabato con dj resident Anela mentre il privè sarà diretto da Antonio Velasquez, figura storica dell’Insomnia di Ponsacco. Nell’organizzazione anche il promoter ponsacchino Leonardo Brogi.

Non a caso, in occasione della festa di Halloween, si terrà il primo evento prodotto proprio dallo staff Insomnia mentre, per gli eventi prefestivi, la direzione sarà sempre coordinata da Velasquez in collaborazione con Metempsicosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA