Bientinese, fine lavori per i tir entro il 2022. Il cronoprogramma

A metà novembre l’assegnazione della Provincia, poi un mese per le asfaltature e 40 giorni per ulteriori completamenti

PONTEDERA. Bientina-Altopascio. Una striscia di asfalto che collega Pontedera e la Valdera al casello autostradale della A11. Tante parole sono state spese per mettere in sicurezza questo tratto di viabilità che ha sempre rappresentato una croce per gli automobilisti. E che fra qualche mese diventerà una ulteriore valvola di sfogo per gli autotrasportatori, visto che la Regione l’ha individuata come arteria su cui deviare i mezzi pesanti quando cominceranno ulteriori – e assai invasivi – lavori sulla Firenze-Pisa-Livorno. Proprio per questo, da tempo sono stati stanziati 500mila euro per una sorta di messa in sicurezza della Bientinese. E, in questo momento, l’appalto è in fase di affidamento da parte della Provincia con l’obiettivo di assegnare l’incarico non oltre il 15 novembre e ultimare gli interventi in programma entro la fine dell’anno.

l’intervento


Si tratta di asfaltature e “completamenti”. Trenta giorni per i nuovi manti stradali e quaranta per il resto di un intervento che porterà non pochi disagi agli automobilisti che quotidianamente o saltuariamente percorrono la strada tra Bientina e Altopascio. Ci saranno sensi unici alternati per facilitare la circolazione e, in generale, un’organizzazione tale che non dovrebbe fermare il traffico in maniera completa. L’incognita maltempo è un fattore da non sottovalutare, perché le piogge potrebbero rallentare un meccanismo che, secondo i tecnici della Provincia, dovrebbe viaggiare spedito per ultimare l’opera commissionata dalla Regione Toscana e che viene reputata di vitale importanza per facilitare il compito degli autotrasportatori nei loro spostamenti e alleggerire il carico della circolazione sulla Fi-Pi-Li quando aprirà il prossimo cantiere che si annuncia davvero difficile per il traffico.

Incognite

E proprio questo rappresenta un’incognita sulla tenuta dei lavori realizzati sulla Bientinese. Dopo la chiusura del cantiere a Ginestra Fiorentina che tanto caos e polemiche ha generato, con infinite critiche alla Regione e al presidente Eugenio Giani, ora si attende di conoscere i dettagli del prossimo maxi-cantiere. Ma i tempi di partenza non si conoscono e i lavori sulla Bientinese che stanno per cominciare potrebbero essere rovinati dal già forte carico di mezzi pesanti attuale. Figuriamoci poi quando arriveranno i tir che solitamente percorrono la strada di grande comunicazione tra Firenze e la costa tirrenica. Ma queste, forse, sono solo congetture. Allo stato attuale resta il fatto che l’affidamento da parte della Provincia è in corso. Per ora si stanno valutando le documentazioni presentate dalla ditta che si è aggiudicata l’appalto in via provvisoria. In attesa dell’aggiudicazione ufficiale e della partenza di un cantiere per lavori di cui si sentiva davvero la mancanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA