Caos alla Misericordia di Peccioli: il consiglio si dimette e arriva il commissario

L’ex governatore della Misericordia, Dino Passerotti (foto Franco Silvi)

L’ormai ex governatore Passerotti conferma la vicenda e parla di "problematiche legate all’organizzazione"

PECCIOLI. Una dimissione in massa quella del consiglio della Misericordia di Peccioli che ha aperto la strada al commissariamento. I motivi, per ora, non sono chiari. L’ormai ex governatore, Dino Passerotti, parla di «problematiche del funzionamento organizzativo» ed esclude «cause legate all’andamento finanziario». Sta di fatto che un commissario è già stato nominato, che ha fatto visita all’associazione di volontariato nei giorni scorsi e che, a breve, tornerà nel borgo dell’Alta Valdera per continuare il suo lavoro.

E proprio dalle valutazioni del commissario e dal tempo che impiegherà per risolvere i problemi dipenderà la durata di questo periodo in cui la Misericordia sarà gestita da personale esterno. Una serie di incognite che non dovrebbero pregiudicare il funzionamento dei servizi offerti dalla Confraternita, dai soccorsi al trasporto di pazienti.


Ma resta una grossa nebbia sulla decisione presa dai consiglieri. «Avevamo esaurito il nostro mandato – riprende Passerotti – ma l’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia, come in molte altre associazioni come la nostra, ha fatto sì che l’incarico sia stato prorogato. Poi una serie di situazioni burocratiche e amministrative hanno protratto ulteriormente la scadenza. Stavamo lavorando su questo fronte, ma al nostro interno abbiamo maturato la decisione di dimetterci tutti insieme e affidarci all’assistenza della confederazione nazionale delle Misericordie».

In questo modo, quindi, si punta a normalizzare un contesto di cui si sa che ci sono problemi, senza però conoscere i dettagli di una vicenda che è sulla bocca di tutti in paese. La Misericordia, del resto, è un’istituzione non solo dal punto di vista dei servizi offerti alla cittadinanza. Ma anche sotto l’aspetto del gran numero dei volontari impiegati e per via che rappresenta un punto di riferimento per risolvere tantissimi problemi. E ora che i problemi sembra averceli proprio la Misericordia, tutti sperano che si possa trovare presto una soluzione.