Ucciso da un malore a 54 anni trovato dagli amici dopo ore

casciana terme lari. Gli amici hanno cercato di contattarlo per tutto il giorno, ma il telefono squillava a vuoto. Quando la sera sono arrivati sotto casa sua, hanno visto l’auto parcheggiata e le luci accese nell’appartamento. Sono riusciti a contattare una parente, che aveva le chiavi dell’abitazione. E lo hanno trovato morto.

Michele Paoli, avrebbe compiuto 55 anni il prossimo 1° dicembre. Viveva da solo, a pochi metri dal Castello dei Vicari, nel cuore di Lari. Originario di Piombino, aveva vissuto anche a Grosseto, dove in passato aveva avuto anche una fumetteria, trasformando in un lavoro la sua grande passione per i Manga. Ma Paoli era affascinato dalla cultura giapponese in generale, tanto da studiare la lingua, fino a dilettarsi nelle traduzioni di testi.


Martedì mattina avrebbe dovuto accompagnare al lavoro un amico, che ha provato inutilmente a contattarlo. In un primo momento ha pensato a un contrattempo, poi con il passare delle ore, ha iniziato a preoccuparsi. Ha contattato anche altri amici in comune, ma il telefono di Michele continuava a squillare a vuoto.

A quel punto hanno deciso di andare direttamente a Lari. E lì, insieme a una parente del 54enne, hanno fatto la terribile scoperta, intorno alle 21. Hanno chiesto l’intervento del 112, ma il medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso, avvenuto diverse ore prima, per cause naturali. Sul posto anche i carabinieri; il magistrato di turno ha dato il nulla osta alla restituzione della salma alla famiglia per il funerale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA