Addio a Romano Fogli, bandiera del Bologna

Aveva 83 anni e viveva a Santa Maria a Monte, aveva giocato anche nel Milan e in Nazionale prima di iniziare la carriera da allenatore. E' stato anche dirigente del Pontedera

SANTA MARIA A MONTE. Calcio in lutto per la morte di Romano Fogli, storica bandiera del Bologna e vincitore dello scudetto nel 1964. Nel corso della sua carriera Fogli, che viveva a Santa Maria a Monte,  ha vestito anche le maglie di Torino, Milan e Catania. Con i rossoneri ha vinto la Coppa dei Campioni nel 1968/1969 e la Coppa Intercontinentale proprio nel '69. Nella sua carriera ha collezionato anche 13 presenze con la maglia della Nazionale. Da allenatore ha concluso la sua carriera, nel corso della quale ha allenato squadre come Reggiana e Livorno, facendo da vice a Trapattoni nella Fiorentina dal 1998 al 2000. In seguito ha anche ricoperto il ruolo di direttore generale del Pontedera. 

Ecco il comunicato e le condoglianze alla famiglia del Bologna: "All’età di 83 anni è scomparso questa mattina Romano Fogli. Il Bologna piange uno dei suoi simboli più amati: 344 presenze con la nostra maglia – dodicesimo fra tutti -, rossoblù per più di dieci anni dal 1957 al 1968 e poi anche da allenatore, prima fonte arretrata del gioco e al contempo uomo di marcatura e appoggio alla regia di Bulgarelli. Romano, che ben presto esordì anche in Nazionale, con il Bologna ha vinto la Mitropa 1961 e lo scudetto del 1964, segnando il memorabile gol del vantaggio nello spareggio con l’Inter e armonizzando col suo tocco di palla da artista la poesia dell’undici tricolore che ogni appassionato rossoblù – e non solo – recita con affetto e ammirazione. Continuò poi a vincere titoli, nella seconda parte di carriera, anche con il Milan. Tutto il Bologna Fc 1909 ricorda con grande commozione l’amico Romano e partecipa al dolore della famiglia".