Ucciso dalla malattia noto ambulante 55enne

Il commerciante 55enne sulla pista da ballo con la sorella Isabella Panichi

Il settore del commercio in lacrime per la morte di Luca Panichi. Era zio del consigliere comunale di Pontedera Matteo Bagnoli. Originario di Calcinaia, viveva a Ponsacco dove c'è la sede dell'attività di famiglia

PONSACCO. Una vita piena. Lavoro, famiglia, amici. E due grandi passioni, gli animali e il ballo. Luca Panichi si divideva tra tutte queste cose come quando era in pista con la sorella Isabella. Leggero, agile, sorridente, ma estremamente concentrato. Una piuma che sembra mossa dal vento ma che, in realtà, sa esattamente dove andare a parare. E in tutti questi impegni il 55enne commerciante aveva sempre la parola giusta per chiunque. Poi, a dicembre, un controllo e la diagnosi infausta. Una grave malattia si era infilata nella sua vita e in quella delle tante persone che gli volevano bene. Ha lottato, Luca. Ha cercato con tutte le sue forze di non mollare. Gli piaceva troppo quello che era riuscito a realizzare in tutti questi anni. Ma davanti a mostri troppo grandi, non sempre si riesce a spuntarla.

Per questo la sua morte ha lasciato un vuoto incolmabile in tantissime persone. E al funerale di lunedì 2 agosto alle 15, nella chiesa di San Giuseppe a Pontedera, saranno numerosi quelli che lo vorranno salutare per l’ultima volta.


La salma è esposta alla cappella mortuaria della Misericordia di Ponsacco, cittadina in cui viveva con la famiglia. Panichi è morto in casa, circondato dall’affetto dei suoi cari. Originario di Calcinaia, ma molto conosciuto in tutta la Valdera era uno dei più noti ambulanti e con la sua attività di famiglia, Zoomark La Foresta di Ponsacco, gestita insieme al fratello AndreaPanichi, era diventato un punto di riferimento per la vendita di animali da compagnia.

Gli animali, appunto, ma anche il ballo in coppia con la sorella Isabella Panichi, con la quale è salito numerose volte sui podi di competizioni nazionali e internazionali.

Luca lascia la moglie Roberta Bagnoli, impiegata in un’azienda di telecomunicazioni, i figli Sara e Francesco, la nipotina Mariasole, il genero Giuseppe, i fratelli Isabella, Arabella e Andrea e il padre Severiano. Era zio del capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale a Pontedera Matteo Bagnoli.

Al cordoglio della famiglia si aggiunge quello di Confesercenti Toscana Nord. Il presidente di Anva Confesercenti Pisa Mirco Sbrolli e il consigliere dei fieristi di Anva Confesercenti Pisa Marco Marinai si stringono al dolore della famiglia per la perdita di Luca Panichi. I due dirigenti vogliono ricordare Luca, associato alla loro associazione Anva, per tutto il lavoro svolto nella tutela delle fiere e dell’intero settore sempre con spirito propositivo e costruttivo: «Un vero professionista del settore che ha lasciato un grande vuoto fra tutti noi».