Passerella crollata a Santa Maria a Monte, al consulente tecnico serve un altro mese

Un sopralluogo dei tecnici sulla passerella pedonale crollata (Foto Franco Silvi)

Si dovrà attendere ancora un po' di tempo per capire i motivi del danneggiamento alla struttura avvenuta il 16 febbraio

SANTA MARIA A MONTE. Si allungano ancora i tempi per la ricostruzione della passerella pedonale crollata il 16 febbraio scorso a Ponticelli di Santa Maria a Monte. «Si sposta di circa un mese la data per conoscere la conclusione dell’incarico richiesto al Ctu, il consulente tecnico d’ufficio, in merito al cedimento della passerella di Ponticelli; il termine era stato fissato per l’ultima settimana di luglio – spiega la sindacaIlaria Parrella – ricordo che Il Tribunale di Pisa ha nominato il consulente tecnico d’ufficio), accogliendo la richiesta, fatta dal Comune, dell’Atp (Accertamento tecnico preventivo).

Il tribunale ha accolto anche l’urgenza avanzata dal Comune. Il Ctu nominato ha il compito di determinare le cause, le responsabilità oltre che a dettare le condizioni per la rimozione della passerella ceduta che è già stata rimossa. Prosegue quindi il lavoro del consulente tecnico per l’accertamento delle cause e delle responsabilità del crollo». «Il Ctu –prosegue la sindaca Ilaria Parrella – ha effettuato sopralluoghi, verifiche e varie prove che necessitano di alcune settimane oltre il tempo previsto».[