Contenuto riservato agli abbonati

Ok dalla Regione per l’ampliamento della discarica gestita da Ecofor

Una ruspa al lavoro all’interno della discarica di Ecofor Service

Così il sito di stoccaggio dei rifiuti vivrà cinque anni in più. Già iniziati i lavori del “lotto 4” che verrà usato dal 2022

PONTEDERA. Ok dalla Regione per l’ampliamento della discarica di Gello, gestita da Ecofor Service, che consentirà al sito di stoccaggio di rifiuti un prolungamento dell’attività pari a cinque anni. Il parere positivo dalla conferenza dei servizi per l’iter ambientale autorizzativo è arrivato nei giorni scorsi con la pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana (Burt). E, da quel momento, le ruspe si sono messe in moto per spostare la terra e preparare la realizzazione di quello che viene chiamato “lotto 4”. Quest’area comincerà a ricevere spazzatura dopo che sarà stato riempito il “lotto 3”. «Prevediamo di cominciare a usare i nuovi spazi dalla metà del prossimo anno», dice il presidente di Ecofor service e amministratore unico di Geofor, Rossano Signorini.

Due le osservazioni arrivate alla conferenza dei servizi. Una dal Comune di Cascina e l’altra dall’amministrazione comunale di Casciana Terme Lari. «In entrambi i casi si è trattato di osservazioni sull’aspetto urbanistico – aggiunge il responsabile della società che la discarica che si trova nel comune di Pontedera – Sostanzialmente il progetto che avevamo presentato e quello che, poi, ha ricevuto il via libera dalla Regione Toscana».


Si tratta di un intervento che riguarda un’area di 15 ettari, pari a un volume netto di 900mila metri cubi. Secondo le indicazioni fornite nella documentazione di presentazione del progetto alla conferenza dei servizi, la quantità di rifiuti che si potranno smaltire è pari a un milione 170mila tonnellate. E sempre all’interno delle carte è contenuto il dato dei cinque anni di vita in più per la discarica visto che i tecnici che hanno redatto il progetto, secondo le autorizzazioni per lo smaltimento che indicano la possibilità di conferire 220mila tonnellate all’anno, hanno calcolato che la chiusura della discarica avverrà nel 2027. Con le attuali volumetrie a disposizione, invece, il sito lungo il canale Scolmatore avrebbe dovuto chiudere l’anno prossimo.

L’operazione, in base a quanto hanno sempre dichiarato Signorini e il sindaco di Pontedera, Matteo Franconi, punta a ottimizzare gli spazi attorno all’area già occupata dai rifiuti. E, a questo proposito, il piano di Ecofor Service è di recuperare volumi nell’area in cui smaltire rifiuti, aggiungendo un 9% di nuovi terreni. In pratica si uniscono le tre aree che compongono la discarica, aumentando la capacità di conferimento.

Signorini aggiunge che «i lavori per la realizzazione del “lotto 4” verranno fatti durante il periodo primaverile-estivo, cercando di sfruttare anche i primi mesi autunnali. Ma puntando, comunque, a cominciare lo stoccaggio della spazzatura dalla metà del 2022 in poi». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA