Golena, si parte: l’argine dell’Era torna la capitale della movida

I lavori per l’allestimento degli spazi sono quasi ultimati. Nuovo format: ci saranno anche “vetrine” per i negozi


PONTEDERA. I lavori di allestimento procedono a ritmo spedito. Sabato Golena apre i battenti. Dalle 7 del mattino fino al coprifuoco di mezzanotte lo spazio a due passi dall’Era, compreso tra il Ponte Napoleonico e la Tosco Romagnola, ospiterà eventi culturali, musica e cocktail. Per il secondo anno consecutivo. Con un format rinnovato e con alcune novità per il pieno rispetto delle norme anti-coronavirus.

MOVIDA E COMMERCIO

Golena è gestito dall’associazione La Mongolfiera, che mette insieme gli otto titolari di sette locali della città: Beat, Bulldog’s Pub, Black Silk, Caffè L’Angolo, Il Giradischi, Penolope Disco e Caffetteria del Corso. Durante il giorno, nei 1200 metri quadrati che costeggiano il fiume, si svolgeranno attività ricreative, sociali e culturali. Poi, dalle 19, spazio alla musica e ai drink. Quest’anno, però, nella golena sarà presente anche un angolo dedicato ai commercianti. Si tratta di tre-quattro postazioni al coperto, sistemate nella parte più vicina al Ponte Napoleonico, che potranno ospitare i prodotti dei negozi di Pontedera. Un modo per creare una piccola passerella dello shopping. I negozianti interessati a usufruire di questa opportunità possono contattare l’associazione La Mongolfiera al numero 3488516685. Per quanto riguarda la movida notturna, Golena ha scelto un impianto per la diffusione della musica “a pioggia”, che permette di localizzare il suono, evitando disagi di inquinamento acustico. Ci sarà quindi uno spazio per ballare, con sedute e tavoli per aperitivi e dopo cena. Gli allestimenti saranno per la maggior parte in legno, per sposare una linea ecologica e non stravolgere troppo il contesto naturale.

CAMPI SOLARI ED EVENTI

Sono 17 le associazioni nel cartellone eventi di Golena. Tre si occupano dei campi solari per bambini, mentre altre operano in ambito culturale. Fino alle 19, si alterneranno varie iniziative. Tra queste, anche la lettura di poesie e la presentazione di libri. Nell’orario dell’aperitivo si svolgeranno le esibizioni di cantanti della zona. I gestori vogliono dare la possibilità di farsi conoscere ai ragazzi che ambiscono a un futuro nel mondo della musica. Chi sogna un concerto in golena può mettersi in contatto con La Mongolfiera.

LA SICUREZZA

Rispetto alla sua prima stagione – lo scorso anno – Golena cambia la modalità di accesso al locale all’aperto. L’ingresso sarà ancora dall’argine del fiume Era, ma verrà creato un percorso che aiuterà il flusso di persone a scorrere e, al tempo stesso, a sottoporsi ai passaggi obbligatori nell’ambito delle regole anti-contagio da Covid-19. I gestori stanno pensando all’installazione di alcuni termo-scanner. Resta valida la tessera lanciata l’anno scorso, quando ne sono state sottoscritte circa 4mila. Ad ogni cliente è stato assegnato un numero. Esibendo la tessera all’entrata di Golena, ognuno viene registrato dallo staff del locale, per creare una lista dettagliata di persone presenti alle diverse serate. E contattare tutti in caso di focolai di Covid.

LE ASSUNZIONI

La “macchina” di Golena ha creato anche un bel po’ di posti di lavoro. Per il momento, sono 15 le assunzioni effettuate. Per lo più giovani che si occuperanno dell’area destinata alla movida, con servizio ai tavoli e preparazione di cocktail. Nei prossimi giorni la “squadra” verrà completata con altri 4-5 contratti. Poi, la partenza. Sabato. Quando Golena si presenterà ufficialmente alla città. —