Pontedera, il Covid cancella la movida di Arnera, il locale sul fiume salta la stagione

La cooperativa si arrende alle norme anti-contagio: «Concessione fino al 2026, torneremo l’anno prossimo» 

Pontedera. Si accenderanno in città le luci dell’estate e si rifletteranno ancora sull’acqua del fiume, ma non quelle dell’ex scalo fluviale Boccadera. Arnera, infatti, salta un giro e dà l’appuntamento all’anno prossimo. A darne conferma è lo stesso presidente dell’omonima cooperativa Alessio Leoncini, dopo una profonda riflessione portata avanti in queste settimane.

«La situazione di incertezza che caratterizza questo periodo e segnerà anche la prossima estate ci ha imposto questa decisione – spiega –. L’esperienza dello scorso anno, fra distanze difficili da mantenere e una socialità che risentiva fortemente delle nuove regole imposte dal Covid, ci ha fatto capire che alle condizioni imposte dalla pandemia è possibile portare avanti un’attività come la nostra solo assumendosi rischi che non vogliamo correre. Non è nostra abitudine operare “ai bordi” e preferiamo lavorare solo in piena sicurezza e correttezza».


Non un addio, ovviamente, ma un arrivederci. La cooperativa, infatti, ha una concessione per l’utilizzo della spiaggetta sul fiume di sette anni dopo l’assegnazione per bando dell’anno scorso. Un luogo tutto da vivere e progettare quindi almeno fino al 2026. Sito che in questi anni la cooperativa ha animato in tanti modi, fra eventi, iniziative, musica e cocktails, divertimento e non solo, portando per la prima volta a Pontedera un format, quello del “vivere il fiume”, mutuato da esperienze pisane e fiorentine e ripensato anche alla luce della vocazione naturalmente sociale del soggetto gestore.

Un modello che proprio in questi ultimi anni ha dimostrato tutta la sua fortuna anche più schiettamente commerciale: a due passi dalla spiaggetta, a breve, partiranno i lavori per il gran ritorno di Golena, progetto dei commercianti uniti nell’associazione “La Mongolfiera”, che quest’anno si allarga e promette dal 10 giugno un’estate di musica, eventi, shopping sul fiume e divertimento, oltre che di animazioni pomeridiane, che si faranno spazio anche su una seconda sponda del fiume.

«Torneremo più carichi che mai il prossimo anno, anche con alcune sorprese e nuovi investimenti» promette però Leoncini, impegnato con la cooperativa in una miriade di altri progetti che, invece, non hanno subito alcuno stop fra Pisa e il mar Tirreno. È di questi giorni, infatti, la notizia del nuovo avvio della stagione nella struttura alberghiera sull’isola di Pianosa, con un’avventura che si è appena avviata per cinque ragazzi della Valdera che là andranno ad operare; il sito dell’arcipelago toscano è infatti sede di un progetto sociale gestito da varie cooperative, con Arnera capofila, dove i detenuti dell’istituto penitenziario sono coinvolti e lavorano fianco a fianco con volontari e operatori.

«Per quanto riguarda Pontedera – continua il presidente – pagheremo la concessione e lavoreremo per il prossimo anno, forti anche delle tante richieste di collaborazione che in questi mesi ci sono giunte, anche inaspettatamente, da parte di commercianti e vari locali proprio della città. Una cosa che ci ha fatto molto piacere». E c’è chi non esclude, negli ambienti del terzo settore, che anche quest’estate, quello stesso spazio venga utilizzato, magari per periodi più brevi, per collaborazioni di vario genere anche con altre realtà associative della città. Ma per adesso è tutto da vedere. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA