Con 500 tamponi rapidi Peccioli fa le prove per far ripartire gli eventi dell’estate

il dottor Turibio Mascagni

Un solo positivo nello screening anti-Covid di venerdì 7 e sabato 8 maggio. Il medico: "Allestita la macchina per risposte veloci ai test"

PECCIOLI. Poco meno di 500 tamponi processati in un giorno e mezzo di controlli. E questi si aggiungono agli 800 effettuati un mese fa. In totale, su 1.300 tamponi rapidi, solo tre sono risultati positivi nella campagna di controlli anti Covid che il “Sistema Peccioli” ha allestito per tutti i suoi cittadini tra venerdì 7 e sabato 8 maggio, oltre a quelli effettuati a inizio aprile.

Al di là dei numeri, l’aspetto interessate è la relazione tra questa attività di tracciamento, oltre a quelle che l’amministrazione di Peccioli ha messo in campo anche nelle scuole, e i numeri di contagi nel territorio comunale. Un test, poi, per programmare la ripartenza: la macchina organizzativa pecciolese, infatti, è in grado di processare già almeno tre tamponi rapidi al minuto, potendo salire a cinque al minuto in completa sicurezza. Un passo in avanti per pensare anche a degli eventi estivi Covid-free.


«Ci aspettavamo, forse, un numero più alto di partecipanti in questa seconda tornata di controlli, ma credo che il maggior numero di vaccini nei confronti della popolazione più anziana abbia spinto meno questa fascia di popolazione a presentarsi nella zona dell’incubatore di imprese – spiega Turibio Mascagni, medico in pensione che ha coordinato il team sanitario che ha effettuato i tamponi rapidi – L’aspetto positivo che abbiamo notato è un abbassamento della media di età delle persone che si sono fatte controllare. Questa fascia di popolazione ancora non ha copertura vaccinale e, con maggiori aperture in vista, e quindi possibilità di entrare in contatto con altre persone, proprio i più giovani potrebbero essere stati spinti a controllarsi più degli anziani».

Poco meno di 500 tamponi in due giorni di controllo (venerdì per 12 ore, ieri per altre 5 ore circa) e un solo tampone positivo. Subito trasmesso al MiniHospital “Pertini” di Capannoli dov’è stato effettuato un tampone molecolare che oggi darà il risultato al paziente. Ciò che ha colpito positivamente, poi, il dottor Mascagni è la relazione tra i controlli messi in campo dal “Sistema Peccioli” e un numero di contagi molto più basso, ad esempio, rispetto ad alcuni comuni vicini, come Capannoli e Terricciola. «Ogni mattina misuro personalmente la temperatura agli studenti delle scuole medie e con altri due medici, in pensione come me, ci occupiamo dei controlli anche alle scuole elementari e riguardano anche insegnanti e tutto il personale scolastico, per questi ultimi anche con tamponi settimanali – spiega Mascagni – Un modo di controllare e verificare che genera comportamenti più virtuosi e responsabili anche nei cittadini che, in parte, spiegano i dati positivi di Peccioli nei contagi. C’è di più, rispetto a un mese fa anche la macchina organizzativa per lo screening è stata ulteriormente perfezionata. Siamo già in grado di somministrare tre tamponi gratuiti al minuto, ma potenzialmente possiamo salire a 5 al minuto».

Conti alla mano, in circa due ore, un pubblico di 500-600 persone potrebbe prendere parte, in sicurezza, a un evento dell’estate pecciolese completamente libero dal Covid.