Muore a 23 anni, lo strazio del babbo: «Lasciato solo da tutti gli amici»

Aveva giocato a calcio nello Staffoli fino ai 18 anni, quando un brutto infortunio lo aveva costretto a smettere

MONTOPOLI. La città si sveglia con il groppo alla gola. Ad annunciare la scomparsa di Lorenzo Morelli, a 23 anni, è il padre Antonio, con poche strazianti parole e una foto sul suo profilo Facebook: «Riposa in pace figlio mio, spero che tu possa trovare in cielo quello che non hai trovato sulla terra. Ciao Lorenzino».

Una notizia che ha gettato nello sconforto la famiglia, la madre e il fratello di Lorenzo oltre al padre Antonio. Lorenzo era giovanissimo e appassionatissimo di calcio. Aveva giocato nello Staffoli fino ai 18 anni, quando un brutto infortunio lo aveva costretto a smettere. Un brutto contrasto in campo che lo aveva mandato giù, con danni pesanti alle sue gambe. «Lorenzo era un ragazzo intelligente e rispettoso – racconta il padre Antonio – anche se si era molto chiuso. E mi dispiace dire che lo hanno lasciato solo, lui si era isolato e gli amici però erano scomparsi. È stato lasciato solo da tutti».


Viveva da solo da qualche tempo. «Il lockdown lo ha molto provato, soprattutto negli ultimi tempi. Ma era un tipo che rispettava sempre le regole. Non ne sbagliava una. Portava sempre la mascherina, rispettava ogni obbligo, mai in giro dopo le 22 e non usciva dal comune. E questo lo ha fatto un po’ isolare».

Il dispiacere per avere smesso di giocare a pallone era stato un grande trauma per Lorenzo. Che stava cercando una sua strada, da ragazzo intelligente che voleva mettere a frutto le sue capacità.

Grande il dolore del padre Antonio, titolare dell’omonimo pastificio Morelli. Un’attività conosciuta e ben avviata, apprezzatissima per la qualità dei suoi prodotti.

«Era un ragazzo molto intelligente e lucido. Era appassionato di calcio, era velocissimo e non lo potevi fermare sul campo», racconta il padre.

La sua esperienza nel calcio però si era fermata dopo quel bruttissimo infortunio, difficilissimo da superare per un ragazzo coraggioso ma anche fragile.

Tantissimi i messaggi di condoglianze, sia pubblici, sotto il post del padre Antonio, che privati. Un tentativo di sostenere la famiglia Morelli in un momento così delicato. Per restituire un po’ di calore in un dramma così terribile.

Non è ancora stata fissata la data dei funerali per dare l’ultimo saluto a Lorenzo. Probabilmente si dovrà attendere la settimana prossima. —

L.R.D.

© RIPRODUZIONE RISERVATA