Contenuto riservato agli abbonati

Quattro ponti da sistemare nel tratto da Cascina a Collesalvetti

Uno dei ponti sulla 206 tra Cascina e Collesalvetti saranno oggetto di manutenzione (Foto Muzzi)

La Provincia investe un milione di euro sulla sicurezza statica Cantieri previsti in estate con chiusure e bypass stradali

CASCINA. Organizzata dalla Provincia con le associazioni di categoria e tutti gli organismi interessati, si è svolta la prima riunione per condividere il cronoprogramma delle opere di manutenzione straordinaria per un milione di euro su quattro ponti collocati sulla Sr 206, sulla direttrice che collega il territorio dei comuni di Cascina e Collesalvetti. Erano presenti all’incontro il presidente Massimiliano Angori e il consigliere con delega a viabilità e infrastrutture Sergio Di Maio, insieme alla struttura tecnica provinciale e, nello specifico, insieme al dirigente del settore tecnico, ingegner Cristiano Ristori, che ha fatto una prima illustrazione degli interventi in cantiere.

Per le associazioni di categoria: Cna provinciale Pisa e Confesercenti Toscana Nord; per il settore agricolo Coldiretti, Cia Pisa e Aema. Per le istituzioni erano presenti il Comune di Cascina, il Comune di Collesalvetti, la Provincia di Livorno e Ctt Nord. Tra gli altri organismi presenti la Lega Coop Toscana.


«È stato un primo incontro per iniziare a pianificare le opere di manutenzione straordinaria da realizzare su queste infrastrutture, su un’arteria viaria strategica come la Sr 206 che dall'Arnaccio collega il comune di Cascina al territorio della provincia di Livorno, nel comune di Collesalvetti», ha spiegato Angori.

Si tratta di importanti interventi per un valore complessivo di circa un milione di euro, un importo notevole che consente di dare lavoro alle imprese affidatarie delle lavorazioni. Queste manutenzioni devono essere eseguite nel periodo estivo per un preciso vincolo temporale imposto dalla autorità idraulica, finalizzato al rispetto del periodo di esecuzione delle opere in alveo, dal momento che le infrastrutture sono collocate su dei corsi d’acqua.

Aggiunge Angori: «Abbiamo illustrato tale proposta alle associazioni, agli enti e agli organismi presenti al fine di condividere insieme il cronoprogramma e al fine di ridurre quanto più possibile i disagi per tutti i cittadini e per tutte le categorie di imprenditori. In questo senso, infatti, si è trattato di un primo incontro, a cui seguirà nei prossimi giorni anche l'invio della proposta temporale formulata dal nostro ente a tutti gli interessati, comprese quelle associazioni di categoria, Confcommercio Pisa e Unione Industriale Pisana, che non hanno potuto essere presenti a questa prima riunione operativa. Il tavolo di confronto andrà pertanto avanti nelle prossime settimane, al fine di mettere a punto la migliore sintesi operativa possibile».

Sottolinea il consigliere Di Maio: «Come ormai da molto tempo, la Provincia di Pisa, nella progettazione delle sue importanti opere di manutenzione straordinaria, è costantemente al lavoro per coniugare la sicurezza della viabilità con le esigenze delle imprese, realizzando un proficuo lavoro di ascolto attivo e dialogo per andare incontro sempre più efficacemente alle necessità di cittadini e imprenditori».

Nello specifico, per quanto riguarda la manutenzione a due dei quattro ponti, la circolazione viaria sarà completamente interrotta; per la manutenzione al terzo è stata messa a punto una modalità di circolazione a senso unico alternato che permetterà comunque lo svolgimento delle lavorazioni, mentre per il quarto ponte sarà realizzato un bypass per la circolazione.

Il periodo proposto, soprattutto per quanto concerne le manutenzioni che prevedono la chiusura del traffico, è quello che va dalla fine di luglio a tutto il mese di agosto, approfittando anche della coincidenza con la chiusura delle scuole e la conseguente diminuzione dell’utilizzo del trasporto pubblico locale.

Gli interventi, inoltre, saranno eseguiti da più ditte che potranno garantire la contemporaneità di esecuzione delle opere di manutenzione.

«Inoltre, gli operai saranno al lavoro durante i fine settimana per ottimizzare al massimo anche il periodo della completa chiusura della viabilità – conclude Di Maio –. Aspettiamo adesso suggerimenti o indicazioni da parte di tutti i soggetti interessati per elaborare, di concerto, la migliore modalità possibile di realizzazione degli interventi che, lo ricordiamo, sono finalizzati a una sempre maggiore sicurezza della viabilità e degli utenti della strada».