Piaggio, l'utile netto nel 2020 è di 31,3 milioni malgrado il Covid

La produzione della Vespa nella Piaggio di Pontedera ai tempi del coronavirus

Ufficializzato il bilancio dell'anno scorso: confermata la tenuta nonostante la chiusura di stabilimenti e rete vendita durante il lockdown. Colaninno: "I dati confermano l'efficacia che il Gruppo ha dato alla pandemia"

PONTEDERA. La Piaggio di Pontedera chiude il 2020 con un utile netto a 31,3 milioni di euro, in calo rispetto ai 46,7 milioni del 2019. I ricavi si sono attestati a 1,31 miliardi di euro, in contrazione del 13,6% rispetto all'anno precedente. Sui risultati pesano le misure di contenimento del Covid-19 che hanno implicato la chiusura delle attività produttive e commerciali per diverse settimane in molte nazioni. Il consiglio d’amministrazione ha proposto un saldo sul dividendo di 2,6 centesimi di euro per ciascuna azione, con un dividendo totale dell'esercizio 2020 pari a 6,3 centesimi di euro, per complessivi 22,5 milioni di euro.

L'ASPETTO FINANZIARIO

Nel 2020 l'Ebitda ha raggiunto i 186,1 milioni di euro, rispetto ai 227,8 milioni del 2019. Le spese operative sono risultate pari a 301,5 milioni di euro, in forte riduzione (14,9%) rispetto a 354,3 milioni di euro spesi nel 2019, principalmente in conseguenza alle azioni di mitigazione messe in atto dalla fine del primo trimestre 2020 per far fronte all'emergenza causata dal Covid-19. Il secondo semestre dell'anno risulta in crescita rispetto ai primi sei mesi. I ricavi sono incrementati dell'1,3%, l'Ebitda del 10,1%, il risultato operativo del 56,6%, e l'utile netto ha segnato un incremento dell'82,3%.

LA VENDITA DI SCOOTER

Le vendite di scooter e moto nel mondo sono incrementate del 20,7%. Nel 2020 il Gruppo Piaggio ha venduto complessivamente nel mondo 482.700 veicoli (611.300 nel 2019). Nonostante l'emergenza sanitaria Covid-19, il mercato dell'Asia Pacific ha registrato volumi in crescita del 9,4%, mentre quelli di Emea - Americas e India hanno presentato una flessione delle vendite rispettivamente dell'1,7% e 49,6%. Nel segmento dei veicoli a due ruote, Piaggio ha venduto nel mondo 384.700 veicoli (-3,7% rispetto a 399.600 al 31 dicembre 2019). Il dato include anche i ricambi e accessori, che hanno registrato un fatturato pari a 119,4 milioni di euro. La flessione complessiva registrata è stata originata principalmente dal decremento in India (-33% volumi; -18,7% fatturato a cambi costanti); le vendite del mercato Emea e Americas sono in lieve incremento (+0,6% volumi) a fronte di una lieve riduzione del fatturato, mentre l'area Asia Pacific presenta un andamento positivo (+ 9,4% volumi; +13,9% a cambi costanti). In Europa nel 2020 il Gruppo Piaggio ha rafforzato la propria leadership del mercato delle due ruote raggiungendo una quota complessiva del 14,2%.

I VEICOLI COMMERCIALI

Nel settore dei veicoli commerciali il Gruppo Piaggio ha venduto nel periodo 98.000 unità (-53,7% rispetto a 211.700 al 31 dicembre 2019). Il dato include i ricambi e accessori, che hanno registrato un fatturato di 38,4 milioni di euro. Piaggio Fast Forward, la società del Gruppo Piaggio con sede a Boston incentrata sulla robotica e mobilità del futuro, prosegue la commercializzazione del progetto Gita, un robot carrier della tipologia "follow me".

I PROGETTI

Piaggio nel 2021, anno in cui Moto Guzzi compie i suoi primi 100 anni di vita e Vespa i primi 75 e nonostante gli effetti della pandemia, proseguirà il suo cammino con il lancio di 11 nuovi modelli a due ruote e del nuovo veicolo commerciale leggero. Prevista anche la costruzione del nuovo dipartimento di e-mobility a Pontedera, l'avvio di un nuovo stabilimento in Indonesia e del completo rifacimento del sito produttivo e delle aree museali di Moto Guzzi. In questo quadro generale, Piaggio continuerà a lavorare per "rispettare impegni e obiettivi, mantenendo in essere tutte le misure necessarie a rispondere in modo flessibile ed immediato alle situazioni inattese e difficili che dovessero ancora manifestarsi, grazie ad una attenta ed efficiente gestione della propria struttura economica e finanziaria", spiega la società.

IL BILANCIO DI COLANINNO

"Il Gruppo Piaggio ha archiviato il 2020 con una sostanziale tenuta dei risultati, sia sui mercati europei, sia su quelli asiatici – ha detto il presidente del Gruppo, Roberto Colaninno - Nel complesso i dati hanno confermato l'efficacia della risposta del Gruppo alla pandemia che ha colpito l'economia mondiale. Il secondo semestre, rispetto al primo, è stato molto positivo: i ricavi sono incrementati dell'1,3%, l'Ebitda del 10,1%, il risultato operativo del 56,6%, e l'utile netto ha segnato un incremento dell'82,3%. Le vendite dei nostri scooter e moto nel mondo sono incrementate del 20,7%. Al contempo la forte generazione di cassa, avuta anche grazie a un'attenta gestione del capitale circolante, ha permesso di realizzare una significativa riduzione del debito di oltre 125 milioni di euro negli ultimi 9 mesi del 2020".