Archistar "spagnola" per viale Piaggio a Pontedera. Il progetto costerà 92mila euro

Nel 2023 sarà senza auto e con piste ciclabili e pedonali. Affidato l'incarico a Tagliabue dello studio di Barcellona

Nei giorni scorsi sono stati parecchi gli automobilisti che hanno avuto a che fare con la chiusura di un tratto di viale Piaggio. Mentre tecnici e addetti ai lavori effettuavano rilievi nel segmento sottratto alla viabilità. Perché la strada che ospita l’ingresso allo stabilimento dell’azienda motoristica, nel giro di due anni, si trasformerà completamente. Zero parcheggi, piste pedonali e ciclabili e una prospettiva nuova. Alzando ancora il punto di osservazione, poi, si capisce che quello in viale Piaggio è solo uno dei passaggi che rivoluzionerà l’area alle spalle della stazione. Un’operazione gigante - da circa 10 milioni di euro, finanziati dalla Regione e in parte molto minore dal Comune di Pontedera -, che sta già muovendo i suoi primi passi. Quando tutto sarà finito, l’obiettivo è il 2023, avremo una strada ultra-moderna dal punto di vista della progettazione, un nuovo polo tecnologico con uffici e sale convegni - già ribattezzato "Atelier della Robotica", e un parcheggio a due piani a nido d’ape.

UN VIALE DI LUSSO

Con una deliberazione della giunta comunale, nel 2014, era stato approvato il progetto in linea tecnica relativo ai "lavori di riqualificazione e sicurezza urbana del viale Rinaldo Piaggio". Il piano è stato redatto dall’architetto Benedetta Tagliabue, dello studio Miralles-Tagliabue, di Barcellona, in Spagna. Tagliabue è una grande firma dell’architettura urbana. Il suo team vanta opere in ogni parte del mondo: dalla Cina alla Francia, passando per Napoli, Milano e la Germania. Sarà lei, dunque, a disegnare il nuovo viale Piaggio. Sarà senza auto in sosta. Avrà piste ciclabili e pedonali. Soprattutto non avrà più un percorso dritto come è adesso, ma un andamento sinuoso. A formare le curve saranno degli spazi laterali, con pavimentazione che riprenderà la parete del parcheggio multipiano. Ognuna di queste aree, poi, avrà elementi artistici e installazioni che rimandano alla memoria storica e industriale di Pontedera. Il Comune, ora, ha affidato l’incarico da 92mila euro allo studio Miralles-Tagliabue per la messa in atto del progetto.

LE TAPPE

Tra il Museo Piaggio e la biblioteca comunale, invece, sorgerà l’Atelier della Robotica. Un centro multifunzionale, che rappresenta il punto di partenza del progetto. Qui, il cantiere grazie al quale verrà costruita l’opera, è attivo dall’inizio del 2020. Il secondo step è rappresentato dal parcheggio "Ex Ape", a poca distanza da museo e biblioteca, ricavato in uno dei vecchi capannoni della Piaggio. Diventerà a due piani, e sarà arricchito da una linea estetica che ricorderà un nido d’ape. I lavori, qui, dovrebbero iniziare nell’estate 2022. Quindi, toccherà al viale. Per poter festeggiare la fine del progetto nel 2023. La speranza è che i tempi di fine lavori vengano rispettati. --© RIPRODUZIONE RISERVATA