Due minorenni accerchiati e rapinati sull'argine a Pontedera

Consegnano i soldi ai sei uomini e chiamano i carabinieri, è il secondo episodio in poche ore

PONTEDERA. I ragazzi camminavano lungo l’argine dell’Era all’altezza del parco della Montagnola. Ad un certo punto sono stati accerchiati da un gruppetto di migranti, di origine nordafricana. «Ci hanno minacciato, volevano picchiarci. Ci hanno costretto a consegnare i soldi che avevamo in tasca». Questo il racconto dei due minorenni che, verso le 18 di ieri, sono stati avvicinati da cinque o sei stranieri. «Ci hanno sorpreso, non ci aspettavamo quella reazione», sono state le parole dei giovani quando hanno chiesto l’intervento dei carabinieri per denunciare la rapina.

Il gruppo infatti, stando ai primi racconti dei due, si è fatto consegnare 40 euro da uno dei giovani (non sono ancora maggiorenni) e 80 euro dall’amico.


I due, stando a quanto è stato spiegato, si sono poi allontanati di fretta dopo avere consegnato i soldi. E quando si sono sentiti al sicuro hanno chiamato i carabinieri. Sulla rapina sono in corso le indagini dei carabinieri. I minorenni saranno invitati in caserma per formalizzare la denuncia di quello che è successo. Nell’ultimo periodo e in modo particolare in questa seconda fase della pandemia ai giardinetti della Montagnola e anche a quelli di Bella di Mai hanno l’abitudine di ritrovarsi molti giovani. Qui è stata segnalata anche la presenza di persone sospettate di spacciare. E da questo ambiente che potrebbero partire le indagini dei carabinieri per risalire agli autori della rapina. Tra l’altro è la seconda che si verifica in poco tempo. La prima c’è stata alcune sere fa nei pressi della stazione ferroviaria dopo un marocchino è stato rapinato del telefono cellulare. L’uomo ha raccontato di essere stato sorpreso da due persone, probabilmente due connazionali, che gli hanno poi preso il telefono cellulare.

Su entrambi gli episodi, che non hanno alcun collegamento tra di loro, sono in corso le indagini e non si esclude che gli autori possano essere identificati. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA