Natale coi buoni del Comune: alle famiglie 300mila euro

Mille euro per chi ha perso reddito e altri 500 a chi ha già ricevuto il contributo del dividendo sociale per sostenere consumi e attività economiche locali

PECCIOLI. Un Natale segnato non solo dal Covid ma anche da cultura e solidarietà. Anzi, sono proprio queste le due “armi” messe in campo dal Comune di Peccioli per mitigare gli effetti della pandemia sulle prossime festività. Per farlo l’amministrazione comunale e la Belvedere spa mettono in campo almeno 300mila euro per sostenere i consumi delle famiglie più povere, per aiutare chi ha visto il proprio reddito diminuire durante il 2020, per dare un segnale al commercio e alle imprese del territorio, per contribuire alla crescita culturale del territorio. Nessun evento e festa in piazza ma, come indicato dallo stesso slogan scelto dal Comune per le iniziative, un “Natale 2020 al tempo del Covid-19: a Peccioli tra solidarietà e cultura”.

Come negli anni passati ci saranno luci natalizie nelle strade principali del centro storico del capoluogo e di Fabbrica. Ancora alberi illuminati in tutte le frazioni a cui si aggiungono la novità di due alberi di alloro donati dalla Belvedere per gli ingressi dei negozi dei centri storici, e che saranno successivamente piantati lungo La Fila, e una maxi proiezione in piazza del Popolo con le immagini del territorio al tempo del Covid, scattate e riprese durante il lockdown da Andrea Testi e da Francesco Mazzei. Non si ferma “11 lune d’inverno”, anche se il tradizionale evento della Fondazione PeccioliPer sarà tenuto online. Anche quest’anno tutte le famiglie pecciolesi riceveranno due bottiglie di vino di produttori locali e si ritroveranno nel conto corrente il rimborso dell’Imposta sul reddito delle persone fisiche.


Tradizioni che si ripetono a cui vanno ad aggiungersi iniziative pensate per questo Natale “speciale”. Anzitutto un aiuto economico di 500 euro a persona a chi già era stato inserito nella graduatoria del dividendo sociale erogato a maggio scorso. Poi un sostegno di 1.000 euro a famiglia, sulla base di un apposito bando e con la sola compilazione di un’autodichiarazione, per chi in questo periodo ha subìto una diminuzione del reddito a causa del Covid-19. Entrambi gli aiuti verranno erogati sotto forma di “Buoni comunali”, da spendere sempre sul territorio del comune.

Ai bonus si aggiungeranno i “coupon cultura”. Insieme alle due bottiglie di vino già citate, ogni famiglia pecciolese riceverà due coupon: uno che permetterà di ritirare gratis all’ufficio turistico comunale il romanzo “Il Cacciatore di anime” scritto da Romano De Marco e ambientato a Peccioli; l’altro che darà diritto ad ogni famiglia a uno sconto del 70% sul primo libro acquistato in un temporary shop che sarà allestito dalla Fondazione per incentivare la lettura e sostenere le librerie locali indipendenti. In questo contesto i pecciolesi potranno acquistare gli altri libri con il 50% di sconto e, se consentito dalle disposizioni anti-contagio al momento in cui verrà organizzata l’iniziativa, uno sconto sarà riservato anche ai cittadini dei comuni limitrofi.

L’investimento previsto è, come già scritto, di almeno 300mila euro «ma – conclude il sindaco Renzo Macelloni – speriamo di poter trovare altre risorse per sostenere i cittadini e le attività in un momento così difficile». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA