Il Tirreno bussa alla porta dei lettori: parte il progetto Peccioli Alta Valdera

Ecco il giornalismo iperlocale: grazie alla partnership con Sistema Peccioli e Banca Popolare di Lajatico 500 residenti avranno l’abbonamento digitale 

PECCIOLI. Un doppio taglio del nastro. Da una parte quello per le 5 aree di sosta green attrezzate lungo il percorso de “Le Serre”, l’itinerario tra torrenti, boschi e campagne di Peccioli attraverso strade bianche, tracciati agricoli e antichi selciati. Dall’altra quella del progetto “Peccioli Alta Valdera” con cui Il Tirreno e tutto il gruppo Gedi vogliono raccogliere le opportunità offerte dal giornalismo iperlocale. Le due iniziative prenderanno il via ufficialmente questa sera (sabato 20) alle 18.30 all’anfiteatro Fonte Mazzola. Quella del Comune, di Rustici & Terreni e di Belvedere spa parte con l’evento “Ascoltando le Serre” in cui saranno presentate le aree attrezzate lungo i camminamenti durante una serata allestita nel rispetto delle norme per il contenimento del coronavirus. Quella del nostro giornale con una copertura puntuale e approfondita dell’evento che inaugura un impegno diretto e specifico per il comune pecciolese e per quelli di Lajatico, Chianni, Terricciola, Capannoli, Palaia e in generale, tutto il territorio dell’Alta Valdera. Prossimamente, grazie alla partnership con il Sistema Peccioli e la Banca Popolare di Lajatico, ben cinquecento abbonamenti digitali a Il Tirreno saranno regalati a giovani tra i 18 e i 30 anni residenti nel territorio.



In realtà il progetto de Il Tirreno ha già mosso i primi passi. Da ieri sulle nostre pagine è presente la testata “Peccioli Alta Valdera”. Testata è il termine tecnico con cui i giornalisti indicano la scritta che si trova in alto a fianco al numero delle pagine (compreso questa che state leggendo). Quelle parole danno il titolo a tutta la pagina. Ne individuano il tema di fondo. Danno, come è il caso del nostro quotidiano, l’indicazione geografica del territorio a cui si riferiscono le notizie. Insomma, un marchio iniziale per indicare fin da subito al lettore il luogo che il giornale racconta.

E anche le aree di sosta green lungo il percorso de Le Serre sono già attive da tempo. Il Comune di Peccioli le ha aperte durante il lockdown. L’amministrazione comunale ha deciso di aprirle al pubblico prima ancora dell’inaugurazione ufficiale di oggi per consentire ai cittadini di usufruirne durante le fasi più dure della quarantena causata dall’emergenza coronavirus. Un polmone verde sfruttato da tanti per salutari passeggiate all’aria aperta in piena sicurezza. Proprio l’esperienza maturata durante la pandemia è stata decisiva per far partire anche l’iniziativa de Il Tirreno e del gruppo Gedi. Una sfida giornalistica per raccontare le storie di un territorio che già madre natura ha reso bellissimo. Un modo per dare testimonianza alle bellezze e ai problemi del territorio con il duplice obiettivo di dare voce ai residenti di Peccioli e dell’Alta Valdera e di far conoscere ancora di più questa realtà al resto della provincia, a tutta la Toscana e, perché no, all’Italia e al mondo.

Una possibilità offerta dalla dimensione web di questo progetto che si affianca a quella del giornale in edicola. Oltre alle pagine dedicate sul quotidiano, a cui saranno affiancate locandine specifiche nei punti vendita, Il Tirreno sarà impegnato in una serie di iniziative digitali. Si parte con una pagina internet sul nostro sito dedicata al territorio. Si prosegue con una presenza social – partendo da Facebook per arrivare a Instagram e Twitter – pensata per accompagnare i lettori di tutte le età in questa iniziativa. Una presenza che si concretizzerà anche con “avvisi” personalizzati (e diretti anche al resto della provincia pisana) con una newsletter dedicata. Una dimensione digitale che diventerà innovazione grazie all’apertura di un canale Telegram (uno strumento di messaggistica istantanea simile a WhatsApp) che consentirà agli iscritti di ricevere sul proprio telefonino le notifiche relative alle news del territorio.

Il tutto con un’idea fissa in mente: quella di affiancare e contribuire alla crescita di una comunità territoriale. E per farlo Il Tirreno e Gedi hanno deciso di investire con la presenza dei redattori del giornale sul territorio. Saremo fisicamente a Peccioli nella media room allestita al centro del paese per incontrare le persone, raccogliere le loro testimonianze e le loro istanze. Consumeremo, come dicono i vecchi cronisti, le scarpe per girare i luoghi dell’Alta Valdera con l’obiettivo di conoscerlo e raccontarlo nel migliore dei modi.

Sarà così già questa sera. Non solo saremo presenti ad “Ascoltando le Serre”. Non solo troverete il resoconto dell’evento sul nostro sito, sui social e sul giornale in edicola domani. Potrete trovarci e vederci lavorare a questo progetto nella biblioteca dell’anfiteatro naturale di Fonte Mazzola. Perché da oggi Il Tirreno bussa alla porta delle case di Peccioli e dell’Alta Valdera.