Il Covid non ferma le assunzioni: ora il suolificio crea mascherine

L’esterno della fabbrica di San Donato; nei riquadri Walter Zappolin e una delle mascherine prodotte dalla Tre Zeta

Raddoppio degli spazi e piano da cinquanta posti di lavoro al Tre Zeta Grazie ai dispositivi di protezione il coronavirus ha solo rallentato il progetto