Si incendia un camion in superstrada, 10 ore di code e disagi per gli automobilisti

Viabilità in tilt anche lungo la Tosco Romagnola e nelle strade secondarie, l’allarme per il rogo era scattato all’alba

PONTEDERA. Il caos in superstrada si scatena già alle 5.30 quando il camionista, che era alla guida di un tir, lancia l’allarme per un incendio che in pochi minuti aveva già avvolto il tir. Lui fa in tempo a scendere e a mettersi al riparo ma le fiamme divorano il mezzo pesante che è nella galleria all’altezza delle Vallicelle, tra Pontedera e Montopoli Valdarno. . Sono sufficienti pochi minuti, anche se siamo in un orario che non è di punta, per paralizzare il traffico. Probabilmente la risposta dell’azienda che si occupa della manutenzione stradale non è immediata e in poco tempo il traffico – di notte viaggiano molti camion – si formano lunghe code. Gli stessi mezzi dei vigili del fuoco hanno difficoltà a raggiungere il luogo dell’incendio, lungo la corsia in direzione di Firenze.



Vengono scortati dalla polizia stradale e riescono a spegnere l’incendio dopo più di 30 minuti di lavoro. Il mezzo è scarico e il conducente illeso ma le conseguenze sulla circolazione stradale sono di forte impatto. Inevitabili i disagi per chi ieri si è trovato a dover utilizzare la superstrada Firenze-Pisa-Livorno.

Per consentire i soccorsi, sul posto intervengono più squadre dei vigili del fuoco di Cascina, Castelfranco di Sotto e a quelli volontari di Ponsacco. Il tratto interessato dal rogo viene chiuso. Ci sono uscite obbligatorie e code chilometriche già nelle fasi successive all’incendio e dureranno per buona parte della mattinata con conseguenze anche sulle strade secondarie nei centri di Pontedera – nel giorno anche del mercato settimanale – ma anche lungo la Tosco Romagnola a Montopoli e fino a Cascina. Sul posto ci sono i vigili del fuoco di Pisa e dei distaccamenti di Cascina, Ponsacco e Pontedera. E dovranno lavorare per buona parte della mattinata per mettere in sicurezza il mezzo dopo che viene spento l’incendio. A metà mattina viene aperta una corsia al traffico, quella di sorpasso, e successivamente – ma non prima delle 15 – anche la galleria torna percorribile sulle due corsie.

Nel frattempo passano ore di autentici disagi, esattamente come ogni volta che viene aperto un cantiere lungo la superstrada. Probabilmente anche i Comuni attraversati dalla superstrada e dalla Tosco Romagnola non fanno bene i conti con il traffico che si riversa lungo la viabilità secondaria e crea una serie di problemi.

Per gli operai delle manutenzioni, una volta che il rogo viene spento, scatta un intervento di manutenzione alla galleria danneggiata dal calore.

Si cerca di evitare che pezzi di cemento nei prossimi giorni possano distaccarsi, come è successo più volte negli ultimi tempi nonostante le segnalazioni e le proteste de degli automobilisti che restano spaventati ogni volta che parti di calcestruzzo cadono e si schiantano sui vetri e sulla carrozzeria delle vetture.



La situazione torna alla normalità nel pomeriggio, nel tratto di strada del rogo ma alle 14 sulla corsia in direzione Pisa, all’altezza di San Miniato, si registra un altro incidente, senza gravi conseguenze, vicino a un cantiere e in pochi minuti si forma una coda di alcuni chilometri.

L’ennesima giornata da dimenticare per la superstrada e soprattutto per gli utenti che la percorrono, costretti a un vero e proprio percorso ad ostacoli mentre viaggiano magari per motivi di lavoro.

Una situazione che diventa ogni giorno che passa sempre più difficile da sopportare ma a cui non sembra che si riesca a trovare una soluzione. —

[[ge:gelocal:il-tirreno:pontedera:cronaca:1.37736261:gele.Finegil.StandardArticle2014v1:https://iltirreno.gelocal.it/pontedera/cronaca/2019/10/12/news/ancora-calcinacci-giu-dal-ponte-sulla-fi-pi-li-la-mia-auto-e-stata-colpita-1.37736261]]