Muore a soli 35 anni dopo un intervento al cuore

Inutili le cure e un intervento chirurgico a Pisa. La donna era arrivata a Pontedera dal Senegal sperando di riuscire a guarire

PONTEDERA. Era venuta in Italia per curarsi. Ma la povera Fatou Syll, 35 anni, di Pontedera non è riuscita a sfuggire alla morte. Aveva una grave malattia al cuore, era stata anche sottoposta a una complessa operazione all’ospedale di Pisa ma la diagnosi fin dal primo momento era stata di quelle infauste. Per lei poche speranze di vita. In questi mesi la famiglia ha assistito la giovane donna. Abitava al Romito e l’altra sera nell’abitazione dove viveva con i familiari ha avuto un malore improvviso che se l’è portata via.

Dopo l’operazione si era aggravata, praticamente non si alzava quasi più dal letto, aveva bisogno di continue cure. L’altro giorno una persona che si prendeva cura di lei è andata in un negozio a fare una commissione per la donna. E quando è tornata a casa Fatou aveva avuto una crisi. Immediato l’allarme al 118 che ha inviato sul posto un’ambulanza. La crisi respiratoria si è trasformata in qualcosa di più grave, la 35enne ha perso conoscenza.

L’hanno rianimata per quasi un’ora, seguendo passo dopo passo quello che è richiesto dal protocollo in circostanze come questa. Tutto è stato inutile e a mano a mano che il tempo passava anche i familiari hanno cominciato a capire che difficilmente avrebbe superato quei momenti. La donna è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale Lotti, in attesa che la famiglia possa organizzare il funerale.


Sono stati informati anche i carabinieri, ma le circostanze della morte sono legate ai precedenti problemi di salute della giovane che era arrivata a Pontedera dove già abitava il marito e dove viveva una parte della sua famiglia. Aveva lasciato il Senegal proprio con la speranza di riuscire a trovare le cure giuste negli ospedali italiani. Purtroppo non è stato così. La notizia della scomparsa della giovane donna ha colpito la comunità del Romito dove tutti erano a conoscenza dei problemi di salute della 35enne. Spesso negli ultimi tempi avevano visto arrivare il dottore o l’ambulanza. Nessuno immaginava che l’altra sera l’intervento del 118 non sarebbe servito a scongiurare il peggio.

Ieri la salma è rimasta all’obitorio dove sono arrivati anche numerosi amici e parenti della vittima. La comunità senegalese è una delle più numerose a Pontedera e la notizia ha suscitato grande cordoglio. –

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi