Al pronto soccorso uno dei 150 neolaureati in medicina