Vespa Gts, la gamma si rinnova Potenziata la dotazione tecnica

Sono cinque le versioni, tra cui la SuperTech che rappresenta il top dell’innovazione tecnica

MILANO

Piaggio sceglie Eicma per presentare gli aggiornamenti di Vespa Gts, l’ammiraglia della gamma Vespa che si rinnova nello stile e nella dotazione tecnica.


Il motore più potente

Per il 2019 l’intera gamma Vespa Gts si migliora, introducendo una serie di aggiornamenti. La nuova gamma Vespa Gts si compone ora di ben cinque versioni: Vespa Gts, Gts Touring, Gts Super, Gts SuperSport e la tecnologica Vespa Gts SuperTech, con display TFT a colori che sfrutta al massimo la connettività con lo smartphone attraverso il sistema Vespa Mia. Due le motorizzazioni: al monocilindrico 125 i-get si affianca ora il motore 300 hpe (High Performance Engine). Frutto più recente della tecnologia motoristica del Gruppo Piaggio e capace di erogare una potenza di oltre 23 cv, è il motore più potente mai adottato su una Vespa.

La storia

Vespa GTS è nella storia della due ruote la più amata al mondo avendo raccolto l’eredità del mitico “Vespone”, così sono sempre state chiamate le Vespa con la scocca - rigorosamente in acciaio - più grande. Nata nel 2003 con l’arrivo di Vespa Gt 125 e 200, la famiglia delle grandi Vespa si è poi evoluta a partire dal 2005 con il lancio della versione Gts 250 e poi delle cilindrate fino a 300 cc. Nel 2016 arriva su Vespa Gts anche la famiglia di motori i-get, declinata nelle cilindrate 125 e 150 cc.

Il motore Piaggio 300 hpe

La nuova Vespa Gts dispone dell’ultima evoluzione del monocilindrico di 300 cc a 4 tempi, 4 valvole, raffreddato a liquido e a iniezione elettronica: figlio dell’esperienza del centro ricerca e sviluppo del Gruppo Piaggio e denominato 300 hpe (High Performance Engine), l’unità ha beneficiato di numerosi interventi volti ad ottenere maggiori prestazioni, riducendo nello stesso tempo il consumo di carburante. Rispetto alla precedente versione la potenza massima raggiunge il valore di 17,5 kW (23,8 CV) a 8250 giri, che si traduce in un incremento del 12%, mentre la coppia massima, pari a 26 Nm a 5250 giri, è cresciuta del 18%. Miglioramenti che si accompagnano a una significativa riduzione dei consumi, con la percorrenza che passa da 29,4 km/l a 31 km/l nel ciclo Wmtc. Si tratta quindi «del motore più performante mai montato su una Vespa - spiegano in azienda - un risultato ottenuto attraverso un lavoro minuzioso da parte dei tecnici Piaggio su gran parte dei componenti, con l’obiettivo di ottimizzare il rendimento termodinamico e ridurre gli attriti». L’adozione di una nuova testata e di un pistone rivisto nell’architettura ha portato ad ottenere una camera di combustione ad alta efficienza, che beneficia anche di valvole e condotti interno testa dal diametro maggiorato. Il sistema di distribuzione monoalbero con punterie a rullo guadagna un asse a camme con differente fasatura e diversi tempi di alzata delle valvole. A migliorare la combustione contribuisce anche l’introduzione di un nuovo iniettore multigetto ad alta pressione. Una più generosa linea di aspirazione, infine, migliora la coppia erogata ai bassi regimi e garantisce un’eccezionale fluidità di marcia a ogni andatura. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI