In Vespa da Pontedera fino a Madrid via Cordoba

Quattro centauri, due italiani e due spagnoli, sono partiti dal Museo Piaggio. Il viaggio unisce idealmente lo stabilimento di Pontedera a quello spagnolo

PONTEDERA. Quest’anno il Vespa Club de España torna ad affiliarsi al Vespa World Club, l’Associazione che racchiude i club nazionali di tutto il mondo; per celebrare l’evento i Vespa Club “I ribelli” di Agrate Brianza e il Vespa Club “Califa” di Cordoba, gemellati da due anni, hanno organizzato un equipaggio misto per percorrere più di 4.000 Km che uniscono Pontedera a Madrid, passando per Cordoba. Il viaggio unisce idealmente la fabbrica pontederese con quella della Moto Vespa di Madrid, che nel 1953 iniziò la produzione della Vespa su licenza della Piaggio. 
 
I quattro centauri, due italiani e due spagnoli, sono partiti ieri mattina dal Museo Piaggio di Pontedera: Andrea Nasisi e Augusto Gaudino del Vespa Club “I ribelli” di Agrate Brianza rispettivamente con Vespa 300 GTS e Vespa 200 GT e i due spagnoli Miguel Macias Chavez e Rafa Guerrero del Vespa Club “Califa” di Cordoba su Vespa TX 200 e Vespa PX 200.
 
Alla partenza Eugenio Leone, delegato di Pontedera presso l’Associazione nazionale dei Comuni motoristici italiani (Anci-Città dei Motori), che sottolinea come «questo sia il modo migliore per portare il nome di Pontedera in giro per l’Europa. Siamo la città della Vespa, questo è un tesoro in termini di attrattività turistica e di investimenti; in particolare aprile è il mese in cui è nata la Vespa e stiamo cominciando ad organizzare una manifestazione che possa ripetere il successo dei raduni internazionali del 2016, per il 70° anniversario della nascita della Vespa, e del “Pontedera Vespa Meeting” del 2017».
 
Prima del via salutato dai protagonisti della “Squadra acrobatica Vespa” degli anni ’60 (Ilo Lorenzetti, Gianfranco Gemmi e Giuseppe Cau), Eugenio Leone ha donato ai vespisti il libro “Mazzinghi – Un eroe del ‘900” di Riccardo Minuti (Tagete Edizioni), per coniugare il grande pugile pontederese campione del mondo con la Vespa.
 
Non è la prima volta che Augusto Gaudino e Andrea Nasisi arrivano a Pontedera: l’anno scorso Andrea guidò la carovana in “Ciao” che raggiunse la Toscana partendo da Seregno, ripercorrendo la galoppata che nell’estate del 1967 l’allora collaudatore Giuseppe Cau fece per mettere alla prova il “Ciao” che sarebbe arrivato sul mercato nell’autunno dello stesso anno. Augusto Gaudino, invece, ha guidato il Giro d’Italia in Vespa che nel 2016 arrivò a Pontedera ospitato nell’ambito del concerto della Filarmonica Volere è Potere per sostenere le famiglie con bambini autistici. I fondi raccolti in quel Giro in Vespa con il contributo del Vespa Club Italia e Vespa World Club hanno permesso ad Angsa, Associazione nazionale genitori soggetti autistici, di fornire “Taskabile” un’app gratuita utilizzabile scaricabile da Google Play.
 
Con Taskabile le persone con disabilità intellettiva e relazionale si rendono più autonome nelle attività quotidiane permettendo a ragazzi e famiglie con problemi di autismo di comunicare e interagire con facilità. L’app stimola l’autonomia personale fornendo la possibilità di comunicare attraverso categorie e immagini personalizzate e personalizzabili. Con un’interfaccia semplice ed immediata permette di personalizzare il proprio profilo con nome e foto, rendendo disponibili funzioni che aiutano ad organizzarsi con un calendario di attività giornaliere e settimanali.