Profughi, la mensa non è autorizzata

Il Comune scrive ai proprietari della Tinaia e alla società che gestisce l’accoglienza: documenti insufficienti