Sorpreso a rubare cellulari da rottamare

Vigilante scopre un ladro all’interno dell’impianto gestito dalla Geofor I carabinieri hanno denunciato l’autore del furto, recuperata la refurtiva

PONTEDERA. Ormai rubano un po’ di tutto. Compresi i rifiuti. Viene da pensare questo anche dopo un episodio, avvenuto ieri mattina, nell’impianto di Geofor.

Alle 7,53 è arrivato alla centrale operativa dell’istituto di vigilanza privata Il Globo una segnalazione di allarme dal sito di raccolta della Geofor di Pontedera, in via Don Aldo Mei, in particolare dal punto dove sono depositate le apparecchiature elettroniche.

La centrale operativa della guardie giurate ha inviato sul posto un operatore che al suo arrivo ha sorpreso un uomo di nazionalità rumena intento a prelevare materiali dal deposito, in particolare cellulari in varie condizioni, un computer portatile e alcuni caricabatterie, il tutto già collocato in due buste per essere portati via.

Il vigilante ha fermato l'uomo per poi consegnarlo ai carabinieri della Radiomobile di Pontedera, intervenuti su richiesta della centrale operativa dell’istituto privato stesso. I militari, stando a quanto è stato spiegato, hanno accompagnato l’uomo in caserma, dove è stato identificato e denunciato in stato di libertà per il furto anche se era stato sorpreso con le mani sulla refurtiva che però non aveva un grande valore.

Geofor è specializzata nella raccolta dei materiali quotidianamente utili è ha molti punti di raccolta situati nella provincia di Pisa.

E questi centri di raccolta sono soggetti a continue "visite" per sottrarre i materiali più facilmente riutilizzabili. Furti che a volte vengono scoperti e i materiali possono tornare nei centri di raccolta.

Una sorta di riciclo fai da te quello che mettono in atto i malviventi. Spesso però una volta che i materiali vengono rubati e poi i ladri scoprono che non sono utilizzabili finiscono per essere gettati dove capita con ulteriori problemi.

Nella notte i carabinieri della provincia sono stati impegnati nei soliti controlli del territorio per cercare di rendere più difficile la vita ai ladri che, come succede un po’ in tutta la provincia, tornano a farsi sentire sia in Valdera che a Cascina e nei centri vicini.

©RIPRODUZIONE RISERVATA