Parte il "treno letterario" con Cassola, gli etruschi e gli antichi romani

Il treno per Cecina alla stazione di Saline di Volterra (Foto Michele Falorni/Silvi)

Iniziativa di Regione, Comuni di Volterra e Cecina per valorizzare la Valdicecina. Sei viaggio per turisti a partire da domenica 13 marzo

VOLTERRA. Sei domeniche tra viaggio e lettura, sei giornate dedicate alla ri-scoperta attraverso il treno ed i libri di luoghi noti ma spesso attraversati senza la dovuta attenzione. E' il Treno letterario 2016, iniziativa organizzata con il patrocinio della Regione Toscana dai Comuni di Volterra e di Cecina, in collaborazione con Toscana Libri. Si tratta di uno dei 4 progetti confinanziati con il bando per la promozione delle ferrovie minori.

Il 'Treno letterario' si propone, come spiega il sottotitolo "In Viaggio con Etruschi, antichi romani e Carlo Cassola" di unire uno spostamento in treno lungo la ferrovia Cecina-Saline, recentemente riaperta al traffico ferroviario, e suggestioni letterarie e culturali. Il viaggio in treno sarà seguito (o preceduto, a seconda dell'itinerario in programma) dalla visita a siti archeologici o a luoghi densi di significato storico-letterario, in modo da creare un percorso culturale che unisca Volterra, Cecina e la ferrovia.

"La Toscana - spiega Vincenzo Ceccarelli, assessore regionale alle infrastrutture - offre infinite possibilità per valorizzare il proprio patrimonio, sia quello storico-artistico e letterario, sta quello infrastrutturale. Noi abbiamo scelto di valorizzare il treno e farlo diventare una 'leva' culturale, un modo per creare nuovi itinerari adatti ai turisti ma anche ai residneti che vogliono saperne di più sul loro territorio. La Regione Toscana ha riattivato alcune linee ferroviarie poco utilizzate nel quotidiano, ma di grande valore storico-culturale e sociale e lo ha fatto con il preciso intento di renderle uno strumento di valorizzazione e promozione delle risorse locali. La Cecina- Saline collega due luoghi di grande bellezza e ricchi di spunti per riflessioni storiche o letterarie oltre ad esser stata essa stessa protagonista di un'opera di Cassola, "Ferrovia locale". Credo che lavorando sul binomio ferrovia storica-cultura potr emo raggiungere buoni rislutati in termini di promozione del territorio".

Il programma del Treno letterario 2016 prevede 6 viaggi, il primo dei quali si terrà domenica 13 marzo e sarà dedicato allo scrittore Carlo Cassola, che nelle campagne tra Volterra e Cecina ha ambientato i suoi romanzi più famosi. Durante il viaggio Daniele Luti, saggista e critico letterario, approfondirà il tema del legame tra la "Ferrovia locale" protagonista dell'omonimo romanzo e l'autore. I successivi si terranno il 3, 10, 24 aprile, 8 e 29 maggio. I viaggi del 3 e del 24 aprile saranno dedicati "Alla scoperta degli estruschi" e vedranno la partecipazione del musicista Stefano Cocco Cantini e dell'etruscologa Simona Rafanelli (direttrice del museo etrusco di Vetulonia), autori de "La musica perduta degli etruschi" (edizioni Effegi), di Marco Buticchi, autore de "Il segno dell'aquila" (Longanesi) e dell'archeologo Stefano Genovesi curatore del museo archeologico di Cecina.

GUARDA IL PROGRAMMA COMPLETO

I viaggi del 10 aprile e dell'8 maggio saranno invece dedicati agli antichi romani. Ad accompagnare i visitatori a bordo del treno ci saranno lo scrittore Marco Vichi, autore del romanzo "Il console" (Guanda), Elena Sorge, funzionario della Soprintendenza ai beni archeologici della Toscana, la ricercatrice Fulvia Donati e l'archeologo Stefano Genovesi. Il viaggio conclusivo, domenica 29 maggio, sarà di nuovo dedicato a Cassola. In questa occasione il critico Daniele Luti si concentrerà sul libro "Tempi memorabili", ambientato a Marina di Cecina.

Il costo è di 22 euro per gli adulti e 10 per i bambini. Comprende biglietto di andata e ritorno del treno, biglietto del pullman per i trasferimenti, biglietto di ingresso a musei e siti argheologici, presentazioni letterarie. La prenotazione è obbligatoria. Oltre al progetto sulla Cecina-Saline, il bando 2014 della Regione per la valorizzazione delle linee ferroviarie minori ha consentito di cofinanziare progetti sulla linea Porrettana, sulla Siena-Grosseto e sulla Arezzo-Stia.

Per informazioni 0577-391787 oppure la mail redazione@toscanalibri.it.