Orrori dell’Olocausto raccontati da Betti

CASCINA. Per gli studenti una delle ultime vere testimonianze dirette sugli orrori dell'olocausto negli anni della seconda guerra mondiale. Mauro Betti, oggi 94enne e sopravvissuto alla prigionia in...

CASCINA. Per gli studenti una delle ultime vere testimonianze dirette sugli orrori dell'olocausto negli anni della seconda guerra mondiale.

Mauro Betti, oggi 94enne e sopravvissuto alla prigionia in tre campi di concentramento nazisti, ha raccontato ai ragazzi dell'istituto comprensivo Falcone e del liceo artistico Russoli la propria esperienza.

Nel calendario delle iniziative per il giorno della memoria, che ricorre domani, gli studenti di tre terze della scuola media del capoluogo comunale e due classi dell'Istituto Statale d'Arte avuto la possibilità di ascoltare le parole di Betti, presidente regionale dell'Associazione nazionale ex-deportati.

«Sono partito per la guerra nel 1939 e ho rivisto i miei familiari solo nel 1945 - ha raccontato l'ex deportato -. Nel 1943 sono stato catturato dai nazisti a Rodi e inizialmente trasportato in Croazia. Da prigioniero entrai in contatto con i partigiani slavi e croati, ma venni poi internato nel campo di concentramento di Grosse-Rosen. Da questo primo campo fui poi trasferito a Buchenwald e infine a Flossenbürg. Sono stato liberato dagli americani e quando sono tornato a casa e ho rivisto mia madre, l'emozione fu così profonda e bellissima, che mai potrò dimenticare. Non ho mai nutrito il sentimento della vendetta verso i tedeschi, ma di compassione, per quelle carezze che i kapò facevano ai loro figli, mentre ne avevano mandati a gassare chissà quanti, anche bambini».

All'incontro con Mauro Betti, svoltosi ieri nella sala del consiglio comunale "Enzo Bertini", sono intervenuti anche il sindaco Alessio Antonelli, il presidente nazionale dell'Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra, Claudio Betti, il dirigente scolastico dell'Istituto Falcone, Federico Betti, e numerosi esponenti delle associazioni combattentistiche del territorio.

La serie di approfondimenti dedicati al giorno della memoria proseguirà durante questa settimana con il concerto della filarmonica municipale Puccini, in programma domani alle 21 alla Città del teatro, e con l'incontro con Kitty Braun, sopravvissuta al campo di sterminio di Bergen-Belsen, in calendario giovedì 28 gennaio alle 11 nella sala consiliare del municipio. Tra febbraio e aprile si terranno gli altri appuntamenti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

La guida allo shopping del Gruppo Gedi