Renzi chiude a Pontedera nel segno del fair-play

Il sindaco di Firenze non raccoglie le polemiche: «Bisogna terminare con il sorriso. Sono qui perché questo è il cuore della Toscana»

PONTEDERA. Matteo Renzi ha chiuso la sua campagna elettorale per il ballottaggio delle primarie del centrosinistra a Pontedera, davanti a quasi mille persone. Il sindaco di Firenze ha spiegato i motivi della scelta di Pontedera come ultima tappa del suo tour in camper per l’Italia: «Questo è il cuore della Toscana, la sintesi di ciò che di meglio c’è nella nostra regione. Qui si unisce la laboriosità alla qualità del vivere».

Sotto il palco, uno striscione dei dipendenti della Sodexò, che da tempo hanno organizzato un presidio permanente all’ospedale di Cisanello: 78 di questi lavoratori, infatti, sono in mobilità. Con loro Renzi ha avuto un incontro riservato.

Nel comizio di Pontedera non c’è stato spazio per le polemiche sulle regole della consultazione. Anzi, rispondendo a qualcuno che lo “stuzzicava” dalla platea ha spiegato che «bisogna chiudere con il sorriso», chiudendo così la porta agli scontri di questi giorni.