Pistoia sconfitta ma esce a testa alta dal confronto con Milano

Una fase delal sfida fra OriOra PIstoia e Milano (Foto Gori)

Dieci lunghezze di vantaggio in favore dell'Armani Exchange che ha dovuto sudare parecchio per prendersi i due punti

PISTOIA. Una sconfitta come da pronostico in un testacoda come questo, ma con onore delle armi per gli sconfitti. L'OriOra Pistoia Basket cede alla corazzata Olimpia Milano per 81-91   al termine di una partita molto combattuta in cui la cenerentola di casa ha saputo dare del filo da torcere ai grandi campioni che guidano la classifica  di serie A con sedici vittolrie e due sconfitte.  

Il primo quarto è abbastanza equilibrato. Pistoia tiene botta e con alcune belle invenzioni del nuovo arrivato Mesicek ad un certo punto si trova anche sul 17 a 17. Ma Armani Exchange Milano non ha difficoltà ad allungare così la prima frazione si chiude sul 17-23. Il secondo quarto parte con uno strappo da parte degli ospiti che si portano anche sul +11 che è il massimo vantaggio con cui si chiude la frazione (38-49). Nel terzo quarto Olimpia Milano allunga a +12 ma sul 47-59 si accende Peak che riporta sotto Pistoia fino al 58-64 che costringe Pianigiani a chiedere il time out a 2’25” dal termine del terzo quarto per frenare l’avanzata dei biancorossi. La differenza si comprime e il terzo quarto i pistoiesi lo chiudono a -6 (65-71). Dopo due minuti di gioco Ramagli chiama il time out sul punteggio di 67-75 e chiede ai biancorossi l'impresa. Al rientro sul rettangolo di gioco i lombardi mettono a segno un tiro da due e si portano a +10 quando mancano 5'31" alla conclusione.

L'uscita dal campo dei biancorossi sconfitti 81-91 da Milano (Foto Gori)

I  minuti finali sono al cardiopalma e a 3' dal termine il risultato è sul 75-86 con Armani Exchange Milano di nuovo avanti di undici ma sempre con Pistoia addosso. Il finale vede le due squadre chiudere sull'81-91 che concede ai campioni dieci lunghezze di vantaggio.

ORIORA. Bolpin, Della Rosa 3, K. Johnson 8, Peak 21, Krubally 19, Auda 4, Di Pizzo ne, Martini 2, Querci ne, Severini ne, Mesicek 18, Gladness 6. All. Ramagli

AX MILANO. Della Valle 14, James 17, Barbieri ne, Bertans 3, Fontecchio 8, Kuzminskas 14, Cinciarini 6, Nunnally 9, Burns ne, Brooks 2, Jerrells 9, Omic 9. All. Pianigiani

Note. Tiri da due Pt 28/49, Mi 18/29, Tiri da tre Pt 3/16, Mi 10/39, Liberi Pt 16/18, Mi 25/29, Rimbalzi Pt 39, Mi 35. Usciti per falli. Krubally (38’30”) Parziali. 17- 23, 38- 49, 65- 71

Arbitri. Sahin, Attard, Calbucci

Spettatori. 3000 circa