Pazzini Senior centra il poker di vittorie con il Margine Coperta

Con il fratello Giampaolo che gioca di sabato, Patrizio ha accettato di allenare la prima squadra: con successo

MARGINE COPERTA. Ancora oggi quando Romano Pazzini, vecchio ariete d’area di rigore, guarda le foto dei suoi tre ragazzi in calzoncini è convinto che era Patrizio il predestinato, colui pronto a cogliere l’eredità genetica paterna. Poi Giampaolo, si è rivelato di un’altra categoria però anche il “Re Leone” primogenito (soprannome a firma di Martino Fedele) i gol li ha messi a segno ovunque.

Però forse il meglio, Patrizio Pazzini, eterno giovanotto dai modi istrionici della classe di ferro 1967, attivo ed amatissimo sui social, lo ha dato nei tanti anni passati ad allenare nei settori giovanili di Montecatini Calcio, Montecatinimurialdo, Poliposrtiva Margine Coperta, Monsummano, Larcianese, Mezzana e Montalbano. Una vocazione nata mentre tira gli ultimi calci veri al pallone. Tanti allori e trofei vinti, in oltre vent’anni di onorata carriera, ma soprattutto l’innata capacità di fare gruppo e di ottenere il massimo da chi allena.


Specialista delle fasce d’età Allievi e Juniores, tuttavia non si era mai misurato coi “grandi”. Il motivo, o meglio la “scelta di cuore, ce lo spiega il diretto interessato: «Sottolineato che questa lunga esperienza coi giovani è stata bellissima, formativa e gratificante, quando sono passato dal campo alla panchina, volevo seguire Giampaolo il più possibile – confida – e visto che i dilettanti giocano la domenica pomeriggio, ciò sarebbe risultato assai difficile. Comunque già da qualche stagione, avevo avuto contatti con società della zona e non, per allenare prime squadre ed ora che Giampaolo gioca il sabato col Verona e si avvicina al tramonto naturale di una grandissima carriera, ho, per così dire, “ceduto” assai volentieri».

Ad assicurarsi i servigi del buon Patrizio è stata la Polisportiva Margine coperta, club, nella sua cinquantennale storia, al debutto in Seconda categoria. Chiamato a sostituire l’esonerato Mencarini, dopo il ko all’esordio, Pazzini ha centrato ben quattro vittorie di fila, risalendo la china. «È una società organizzata con dirigenti appassionati in cui mi sono trovato subito a mio agio – chiude – mantenere la categoria, magari senza passare dai playoff non sarà impresa facile. Intanto abbiamo messo un po’di fieno in cascina». Riguardo il nuovo percorso vale la teoria del professor Manzi ed del suo datato istruttivo programma tv: «Non è mai troppo tardi». –

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI