Contenuto riservato agli abbonati

Due nuove rotatorie a Sant’Agostino: ecco come cambierà la viabilità

Il rendering del progetto delle due rotatorie tra la tangenziale est e viale Fermi

Il 12 maggio la firma del contratto con la ditta che dovrà iniziare i lavori entro 45 giorni

PISTOIA. La ditta Agz appalti di Roma si è aggiudicata la gara per la costruzione delle due rotatorie che alleggeriranno il traffico nel punto di immissione della tangenziale est con viale Enrico Fermi.

Il prossimo 12 maggio gli incaricati dell'azienda romana si recheranno negli uffici comunali per la firma del contratto, che prevede una data di inizio lavori non successiva a 45 giorni dalla sottoscrizione dell'impegnativa. La fine dei lavori, è prevista entro la fine dell'anno. Per la realizzazione di quest'opera di fondamentale importanza per la regimazione del traffico in un punto di vitale interesse come l'area industriale di Sant'Agostino, il Comune di Pistoia ha ottenuto un finanziamento regionale di 120 mila euro. Altri 330 mila euro saranno invece stanziati direttamente dall'amministrazione comunale pistoiese che, in questo modo, risolverà in maniera definitiva le criticità dovute all'immissione in viale Enrico Fermi delle auto provenienti soprattutto dal lato della tangenziale che conduce nell’area industriale le auto e i mezzi pesanti provenienti da Agliana e dal casello autostradale di Pistoia.


«Il pericolo maggiore – afferma l'assessore all'Urbanistica Leonardo Cialdi – proviene tuttora da quegli automobilisti che, una volta giunti a immettersi in viale Enrico Fermi dalla periferia sud della città, non rispettano la prescrizione di svolta obbligatoria a destra. Molti – prosegue – cercano di svoltare a sinistra infrangendo così le norme del Codice della strada oppure, entrano nelle traverse laterali a destra prestando magari poca attenzione alla loro reimmissione nel viale principale. Adesso, con la costruzione di queste due rotatorie che si svilupperanno in gran parte sotto il ponte della tangenziale, per debordare nelle due curve di massima espansione, la sicurezza del traffico in questa delicata zona della città sarà ai massimi livelli».

La costruzione delle due rotatorie rientra in un progetto globale di razionalizzazione del traffico nell'intera area di Sant'Agostino, cui segue un intervento analogo realizzato di recente in via Cellini, dove una nuova rotatoria ha risolto i problemi delle lunghe fila di veicoli che si formavano soprattutto negli orari di entrata e di uscita dei lavoratori dai numerosi uffici e dalla fabbriche della zona.

«Per l'amministrazione comunale – conclude l'assessore Leonardo Cialdi – l'attività di progettazione è particolarmente strategica. Per questo, ci siamo attivati per intercettare i finanziamenti previsti per la realizzazione di opere del genere. Il progetto complessivo, inoltre, non riguarda la sola costruzione delle due rotatorie, ma anche di una serie di opere accessorie che rendano più sicura l'intera struttura. Mi riferisco a una serie di attraversamenti pedonali che consentiranno ai pedoni di affrontare con sicurezza il passaggio in quel punto nonché la realizzazione del tracciato di una pista ciclo-pedonale che sia di utilità anche ai numerosi ciclisti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA