Arma in lutto, morto a 56 anni il brigadiere Antonio Cammisa

Serravalle. Per tanti anni è stato un punto di riferimento per l’intera comunità di Serravalle. Per la sua professionalità e, soprattutto, per la grande umanità e il buon cuore che batteva sotto quella divisa. Indossata con orgoglio fino a quando la malattia, con cui ha combattuto con tutte le sue forze, gliel’ha consentito, fino a pochi mesi fa. Si è spento nella serata di giovedì il brigadiere dei carabinieri Antonio Cammisa, 56 anni, per molti dei quali in servizio alla stazione di Masotti. Una notizia che ha toccato profondamente tutti coloro che hanno avuto modo di conoscerlo, anche solo di incontrarlo.

«Una notizia che non avrei mai voluto ricevere – scrive sul proprio profilo facebook il sindaco di Serravalle Piero Lunardi – Dopo tanto combattere contro il male ci ha lasciato un carissimo amico, Antonio Cammisa, amato, stimato e apprezzato sottufficiale dei carabinieri, in servizio al comando stazione di Serravalle, da poco in pensione, che abbiamo festeggiato assieme. Mi unisco al dolore della famiglia esprimendo sentite condoglianze. Ciao Antonio, amico di tutti».


Amico di tutti, come testimoniano le centinaia di messaggi di cordoglio apparsi ieri sui social.

Antonio lascia la moglie Catia, la figlia Arianna e la nipotina Sveva, il cui arrivo ha fatto sì che il suo indomabile sorriso non si spengesse neppure in questi ultimi difficili mesi. Il funerale sarà celebrato oggi alle 15 nella chiesa di Ponte Buggianese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA