Arriva da Quarrata il secondo panettone più buono al mondo

La titolare della pasticceria “Come una volta" ha sbaragliato centinaia di avversari alla gara della Fipgc

PISTOIA. È stato prodotto da una quarratina, Beatrice Volta, il secondo panettone più buono al mondo, che l'ha fatta salire sul podio, conquistando la medaglia d'argento, al Campionato Mondiale per il migliore Panettone al Mondo organizzato dalla Fipgc Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria.

Il suo panettone artigianale ha partecipato alla gara nella categoria "Classico", una delle quattro previste dalla competizione, le altre principali sono “Decorato, Gluten Free e Innovativo”. “Innovativo” è l’altra sezione a cui Beatrice Volta ha concorso, portando un panettone all'aceto balsamico, con il nome “Origini”, proprio perché ricorda la tradizione della sua terra, l'Emilia Romagna. Infatti, la pasticciera, da alcuni anni nel mondo delle dolcezze, è una quarratina d'adozione, trasferitasi dal bolognese a Pistoia per amore, ed è la titolare della pasticceria"Come una volta", che si trova a Quarrata in via Alcide de Gasperi.


Il primo laboratorio che ha aperto, «alla soglia dei quaranta anni», come dice lei, è stato circa 3 anni fa, nel 2018, posizionato in via Larga, sempre a Quarrata. «Durante la pandemia, appena ho capito che era permesso la consegna a domicilio, mi sono data da fare. Qualche giorno dopo la chiusura di tutti gli esercizi a marzo, per la festa del babbo, avevo tante torte commissionate. Mi sono adoperata per proseguire l’attività».

Ma il vero cavallo di battaglia di Beatrice è il panettone, dolce artigianale di lunga preparazione con il lievito madre, molto impegnativo. «Ho partecipato a questa gara con il mio pezzo forte, come dico sempre: il panettone è il mio primo amore. La mia attività si basa su cosa fare tra un panettone e l'altro. Alla competizione abbiamo aderito in circa 300 pasticcieri, e sono l'unica donna che, grazie al punteggio che ha ottenuto il mio panettone, è riuscita a conquistare l'argento, anche se per poco avrei potuto stringere tra le mani l'oro. La sfida si è svolta lo scorso fine settimana a Roma, giovedì ho inviato il mio dolce, e dopo l'assaggio di venerdì da parte della commissione, sono stata selezionata tra i finalisti. Eravamo tutti emozionati davanti al Quirinale, avevo il sostegno di tutti i miei cari, come mio marito e il mio piccolo Lorenzo, amici, ero entusiasta». Ma la storia non finisce qui: Beatrice, infatti, sarà anche l'unica donna ad accedere alla finale della Coppa del Mondo del Panettone, che si svolgerà dal 5 al 7 novembre al Palazzo Congressi di Lugano, dove si destreggerà e cercherà di portare a casa un'altra vittoria contro i migliori pasticcieri del mondo, sfidandoli nella categoria "Cioccolato". «Sono contenta del mio prodotto – prosegue Beatrice – ma voglio alzare l’asticella, mettendomi in discussione ed in gioco, affinare le mie tecniche. Per la competizione biennale di novembre, che vedrà anche l’allestimento di una fiera dove si potrà comprare i prodotti finalisti, sono stata scelta per la categoria “Cioccolato” ed anche in questo caso sarò l’unica donna». I pistoiesi potranno assaggiare questa bontà presso il suo locale, a Quarrata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA